Prestiti personali immediati

Mutui e prestiti aziendali

Utilizza la funzionalità di ricerca interna #finsubito.

Agevolazioni - Finanziamenti - Ricerca immobili

Puoi trovare una risposta alle tue domande.

 

More results...

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Filter by Categories
#finsubito
#finsubito news video
#finsubitoaste
01_post_Lazio
Agevolazioni
News aste
Post dalla rete
Zes agevolazioni
   


Con l’espressione credito al consumo s’intendono quelle attività di finanziamento delle persone fisiche e delle famiglie che hanno la finalità di sostenere i consumi o di rimandare o rateizzare i pagamenti.
Il credito al consumo si caratterizza per il fatto che non serve per sostenere investimenti, ma esclusivamente per finanziare la spesa corrente delle famiglie.
>>>Per approfondire: Compendio di Diritto civile

1. La situazione in Italia


Come si legge sull’enciclopedia libera Wikipedia, in Italia, gli unici soggetti autorizzati a concedere il credito al consumo sono le banche e gli intermediari finanziari iscritti negli appositi registri.
L’istituto è stato disciplinato dal Codice del Consumo (d.lgs n. 206/2005), in particolare dagli articoli 40-43, sino all’introduzione del Decreto Legislativo n.141/ 2010 che, in attuazione della direttiva 2008/48/CE relativa ai contratti di credito ai consumatori, ha abrogato i suddetti articoli, inserendo le disposizioni relative al credito al consumo nel testo unico bancario (decreto legislativo n. 385/1993).
La disciplina vigente è quella della quale contenuta negli articoli 121 – 126 del T.U.B.
Gli strumenti finanziari utilizzati per accedere al credito al consumo sono:
la Carta di credito, il pagamento posticipati o rateizzato, il prestito personale, che avviene con pagamento iniziale in un’unica soluzione e il rimborso seguirà il piano di ammortamento e la cessione del quinto dello stipendio.
Nel credito al consumo non rientrano i mutui ipotecari per l’acquisto di immobili, perché si tratta di un investimento e il debito risulta coperto dal valore dell’immobile stesso.
Gli strumenti per accedere al credito al consumo possono essere suddivisi in finanziamenti finalizzati, come la rateizzazione dell’acquisto di un’automobile o il pagamento degli acquisti con carta di credito, e in finanziamenti non finalizzati, tra i quali i prestiti personali e il consolidamento del debito delle famiglie.
Le garanzie che vengono chieste al consumatore per accedere al credito al consumo sono limitate,  è sufficiente che il richiedente abbia un reddito, meglio se da lavoro a tempo indeterminato o nella pubblica amministrazione, un conto corrente e non sia iscritto nella lista dei cattivi pagatori.
Il tasso di interesse applicato a questo tipo di prestiti è molto più elevato rispetto a quello applicato ai mutui, perché il rischio di insolvenza del debito è più elevato e non ci sono garanzie a fronte del prestito se non il reddito del contraente.
Gli importi non sono elevati e la decisione di contrarre un debito di questo tipo non viene ponderata dai consumatori, permettono alle istituzioni che concedono il credito di farsi pagare uno spread più elevato.
Quando il prestito ha come unica finalità l’incentivo dell’acquisto invogliando il consumatore a sostenere una spesa che in caso contrario non potrebbe sostenere, è possibile che venga applicato un tasso molto ridotto (prestiti a tasso zero).
In questi casi è possibile pensare il prestito come una forma di sconto, ed è il venditore che si accolla l’onere del finanziamento verso l’istituto che concede il credito. 

Potrebbero interessarti anche:
Il Codice del Consumo: origini e funzione documento
Il nuovo sistema pubblico di prevenzione delle frodi nel settore del credito al consumo

2. Il debito al consumo


Il debito al consumo è contratto dalle persone fisiche o dalle famiglie per sostenere i consumi anziché gli investimenti.
La sua particolarità, che lo differenzia rispetto ai debiti per l’acquisto di immobili, è che a fronte di una passività finanziaria non viene scritta nel bilancio della famiglia nessuna attività, gli acquisti effettuati con il debito sono destinati ad essere consumati in un tempo breve.
Il debito al consumo viene contratto dai cosiddetti consumatori attraverso gli strumenti di credito al consumo.
Il debito al consumo dal lato microeconomico è un aumento delle entrate di cassa attuali della famiglia a fronte di una diminuzione delle entrate di cassa future.
Esiste un limite invalicabile all’indebitamento che una famiglia può sostenere, al di sopra del quale non è più possibile contrarre debiti senza andare a intaccare la spesa in beni di prima necessità.
Tipicamente questo limite viene fissato nel 40% del proprio reddito.
Una famiglia che spende il 40% del suo reddito per pagare le rate dei prestiti deve essere considerata fortemente indebitata.   

3. La delega di pagamento


La delega di pagamento è un prestito concesso a un lavoratore dipendente, che si può estinguere con il trattenimento di quote dalla retribuzione mensile.
Le trattenute vengono pagate al soggetto finanziante da parte del datore di lavoro, al quale è stato conferito il relativo mandato irrevocabile dallo stesso lavoratore dipendente.
Per perfezionare il prestito con delega effettuata da un’amministrazione statale è necessario che venga stabilita una convenzione del soggetto erogante con l’amministrazione di appartenenza. Le amministrazioni parastatali e le società a partecipazione maggioritaria da parte dello Stato, svolgono di solito gli incarichi di delegazione per prestiti anche in assenza di convenzione. Negli altri casi, l’accettazione a discrezione dell’azienda.
Il finanziamento assistito da delega di pagamento può essere affiancato alla cessione del quinto dello stipendio.
Nonostante questo, i finanziamenti con rimborso attraverso delega di pagamento si devono contenere nel limite del 50% dello stipendio mensile netto, oppure a discrezione della stessa azienda.

 

***** l’articolo pubblicato è ritenuto affidabile e di qualità*****

Visita il sito e gli articoli pubblicati cliccando sul seguente link

Source link

Informativa sui diritti di autore

La legge sul diritto d’autore art. 70 consente l’utilizzazione libera del materiale laddove ricorrano determinate condizioni:  la citazione o riproduzione di brani o parti di opera e la loro comunicazione al pubblico sono liberi qualora siano effettuati per uso di critica, discussione, insegnamento o ricerca scientifica entro i limiti giustificati da tali fini e purché non costituiscano concorrenza all’utilizzazione economica dell’opera citata o riprodotta.

Vuoi richiedere la rimozione dell’articolo?

Clicca qui

 

 

 

Prestiti personali immediati

Mutui e prestiti aziendali

Per richiedere la rimozione dell’articolo clicca qui

La rete #dessonews è un aggregatore di news e replica gli articoli senza fini di lucro ma con finalità di critica, discussione od insegnamento,

come previsto dall’art. 70 legge sul diritto d’autore e art. 41 della costituzione Italiana. Al termine di ciascun articolo è indicata la provenienza dell’articolo.

Il presente sito contiene link ad altri siti Internet, che non sono sotto il controllo di #adessonews; la pubblicazione dei suddetti link sul presente sito non comporta l’approvazione o l’avallo da parte di #adessonews dei relativi siti e dei loro contenuti; né implica alcuna forma di garanzia da parte di quest’ultima.

L’utente, quindi, riconosce che #adessonews non è responsabile, a titolo meramente esemplificativo, della veridicità, correttezza, completezza, del rispetto dei diritti di proprietà intellettuale e/o industriale, della legalità e/o di alcun altro aspetto dei suddetti siti Internet, né risponde della loro eventuale contrarietà all’ordine pubblico, al buon costume e/o comunque alla morale. #adessonews, pertanto, non si assume alcuna responsabilità per i link ad altri siti Internet e/o per i contenuti presenti sul sito e/o nei suddetti siti.

Per richiedere la rimozione dell’articolo clicca qui