Prestiti personali immediati

Mutui e prestiti aziendali

Utilizza la funzionalità di ricerca interna #finsubito.

Agevolazioni - Finanziamenti - Ricerca immobili

Puoi trovare una risposta alle tue domande.

 

More results...

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Filter by Categories
#finsubito
#finsubito news video
#finsubitoaste
01_post_Lazio
Agevolazioni
News aste
Post dalla rete
Zes agevolazioni
   


diGiampiero Rossi

È di 113 milioni di euro la somma investita in cultura delle imprese soltanto nel territorio compreso tra Milano e la sua provincia

Le imprese lombarde investono in arte e cultura. Per la precisione 183 milioni di euro in un solo anno. Effetto dell’Art bonus, che riconosce un credito d’imposta del 65 per cento sulle donazioni a sostegno del patrimonio culturale pubblico, ma anche scelta comunicativa sempre più diffusa e non soltanto tra le grandi aziende. «Un terzo dei bonus italiani per gli investimenti in arte e cultura arrivano in Lombardia e con il passare degli anni le iniziative proposte qui sono diventate il modello di riferimento», spiega Francesco Moneta, presidente del comitato no profit «Cultura + impresa», che organizza anche un premio per le idee migliori, dove i lombardi sono protagonisti.

Ci sono le grandi banche e i colossi del settore energetico, che «nella cultura e nell’arte hanno individuato un proprio pilastro», ma ci sono anche le aziende di provincia che invitano gli street artist per insegnare ai dipendenti come si fanno i murales. E poi ci sono i gemellaggi che legano ospedali a gallerie e pinacoteche, i progetti orientati all’innovazione sociale e all’inclusione e — come è successo a Varese, con il ruolo chiave della Confindustria locale — le alleanze tra industriali per sostenere i musei del territorio. E così ecco che, secondo i dati raccolti da Ales (società controllata dal ministero per il supporto alla conservazione e valorizzazione del patrimonio culturale), nel solo territorio milanese sono stati investiti 113 milioni, altri 37 dagli imprenditori cremonesi, 16 a Bergamo e 11 a Brescia.
Ma perché un’impresa sceglie di investire in cultura? «Aiutare le istituzioni d’arte cittadine innesca una dinamica virtuosa che favorisce un ritorno in termini di reputazione e attrattività — dice ancora Moneta — ma che produce anche effetti positivi nelle relazioni interne, con coinvolgimento e motivazione delle persone che lavorano nell’azienda». 




















































Esiste anche una sorta di indice di valutazione di tutto ciò. Si chiama Vaas (Value analisys in arts sponsorship) e aiuta a misurare i vantaggi sulla base di sei voci: comunicazione esterna, relazioni con i dipendenti, rapporti con stakeholders e istituzioni amministrative, reputazione presso le banche e i clienti, impatto sociale ed economico sul territorio, partecipazione agli obiettivi di sostenibilità indicati dall’Onu. Sono queste, dunque le voci che giustificano e a volte incentivano la scelta di investire in arte e cultura. E la tendenza, in Lombardia — terra di imprenditoria — è in costante crescita, «perché sono operazioni che producono valore e benessere sociale — sottolinea il presidente del premio —. Una nostra ricerca ha confermato che le imprese beneficiano di una crescita anche grazie ai territori in cui agiscono e per questo sono motivate a restituire qualcosa alle loro comunità. In passato questo avveniva attraverso la sponsorizzazione della società di calcio, di basket o di pallavolo, adesso si punta più volentieri sui festival, sulle mostre e sugli artisti invitati anche direttamente in azienda, magari per lavorare riciclando materiali di produzione». 

E i soldi? I grandi gruppi li hanno, ma le piccole e medie imprese? «Non è detto che siano necessari grandi investimenti, a volte è sufficiente valorizzare su giovani artisti del territorio. E poi succede che un festival, come quello della letteratura di Mantova, diventi un modello imitato e moltiplicato ovunque».

Se vuoi restare aggiornato sulle notizie di Milano e della Lombardia iscriviti gratis alla newsletter di Corriere Milano. Arriva ogni giorno nella tua casella di posta alle 7 del mattino. Basta cliccare qui.

11 maggio 2024

 

***** l’articolo pubblicato è ritenuto affidabile e di qualità*****

Visita il sito e gli articoli pubblicati cliccando sul seguente link

Source link

Informativa sui diritti di autore

La legge sul diritto d’autore art. 70 consente l’utilizzazione libera del materiale laddove ricorrano determinate condizioni:  la citazione o riproduzione di brani o parti di opera e la loro comunicazione al pubblico sono liberi qualora siano effettuati per uso di critica, discussione, insegnamento o ricerca scientifica entro i limiti giustificati da tali fini e purché non costituiscano concorrenza all’utilizzazione economica dell’opera citata o riprodotta.

Vuoi richiedere la rimozione dell’articolo?

Clicca qui

 

 

 

Per richiedere la rimozione dell’articolo clicca qui

La rete #dessonews è un aggregatore di news e replica gli articoli senza fini di lucro ma con finalità di critica, discussione od insegnamento,

come previsto dall’art. 70 legge sul diritto d’autore e art. 41 della costituzione Italiana. Al termine di ciascun articolo è indicata la provenienza dell’articolo.

Il presente sito contiene link ad altri siti Internet, che non sono sotto il controllo di #adessonews; la pubblicazione dei suddetti link sul presente sito non comporta l’approvazione o l’avallo da parte di #adessonews dei relativi siti e dei loro contenuti; né implica alcuna forma di garanzia da parte di quest’ultima.

L’utente, quindi, riconosce che #adessonews non è responsabile, a titolo meramente esemplificativo, della veridicità, correttezza, completezza, del rispetto dei diritti di proprietà intellettuale e/o industriale, della legalità e/o di alcun altro aspetto dei suddetti siti Internet, né risponde della loro eventuale contrarietà all’ordine pubblico, al buon costume e/o comunque alla morale. #adessonews, pertanto, non si assume alcuna responsabilità per i link ad altri siti Internet e/o per i contenuti presenti sul sito e/o nei suddetti siti.

Per richiedere la rimozione dell’articolo clicca qui