Utilizza la funzionalità di ricerca interna #finsubito.

Agevolazioni - Finanziamenti - Ricerca immobili

Puoi trovare una risposta alle tue domande.

 

More results...

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Filter by Categories
#finsubito
#finsubito news video
#finsubitoaste
01_post_Lazio
Agevolazioni
News aste
Post dalla rete
Zes agevolazioni
   


Dopo una giornata di intense trattative e tensioni politiche, la Commissione Finanze del Senato ha dato il via libera all’emendamento del Governo sul Superbonus. Il provvedimento è passato grazie all’appoggio di Italia Viva, mentre Forza Italia ha scelto di astenersi.

Modifiche al Superbonus

Il nuovo decreto prevede la rateizzazione dei crediti derivanti dal Superbonus per le spese effettuate nel 2024 in dieci anni, anziché in quattro. Questa misura riguarda sia i cittadini che le imprese. Per le banche, invece, la rateizzazione viene estesa da quattro a sei anni, ma solo per i crediti scontati a meno del 75% dell’importo dei lavori effettuati. Dal 1° gennaio 2025, le banche non potranno più compensare i crediti del Superbonus con i contributi previdenziali e Inail, una stretta significativa per il settore bancario.

Dichiarazioni del ministro Giorgetti

Il ministro dell’Economia, Giancarlo Giorgetti, ha paragonato il Superbonus a una dipendenza da cui è necessario disintossicarsi. “Come per la droga, è doloroso, ma qualcuno lo deve fare,” ha dichiarato Giorgetti a margine dell’Ecofin, sottolineando la necessità di questa riforma.

La strategia di Fratelli d’Italia e il voto inaspettato di Italia Viva

Fratelli d’Italia ha adottato uno stratagemma per consolidare la maggioranza nella Commissione Finanze. Il capogruppo Lucio Malan ha comunicato al presidente dell’assemblea, Ignazio La Russa, che il senatore Salvatore Sallemi sarebbe stato trasferito dalla Commissione Giustizia alla Commissione Finanze, portando così i membri della Commissione da 19 a 20. Questa mossa aveva l’obiettivo di prevenire l’approvazione dei sub-emendamenti di Forza Italia, specialmente quello che mirava ad abolire la retroattività dell’allungamento a dieci anni delle detrazioni fiscali del Superbonus.

Nonostante l’aumento dei membri della commissione, la presenza e il voto del senatore di Forza Italia, Claudio Lotito, rimanevano cruciali per mantenere l’equilibrio della maggioranza. Questo perché, anche con un membro aggiuntivo, la maggioranza avrebbe potuto trovarsi in una situazione di parità senza il voto di Lotito.

In alcune votazioni specifiche, l’assenza di Lotito e del senatore Patton avrebbe normalmente creato difficoltà per la maggioranza. Tuttavia, in questi casi, il presidente della commissione, Massimo Garavaglia della Lega, che di solito non vota, è intervenuto votando per sostenere la maggioranza. Questo intervento ha permesso alla maggioranza di avere abbastanza voti per approvare gli emendamenti desiderati.

Anche con 20 membri nella commissione, ogni voto è stato cruciale. La strategia di Fratelli d’Italia e il supporto inaspettato di Italia Viva hanno giocato un ruolo fondamentale nel mantenere la maggioranza a favore dell’emendamento del governo.

Critiche del Pd

Il Partito Democratico ha attaccato la maggioranza, accusando Giorgia Meloni di aver tentato una “forzatura” e di aver cercato di “comprare” l’assenza di un senatore dell’opposizione per far passare l’emendamento. Francesco Boccia, presidente dei senatori del Pd, ha definito l’episodio un “triste epilogo delle glorie meloniane”.

Posizione di Forza Italia e rassicurazioni di Tajani

Nonostante la contrarietà di Forza Italia alla retroattività del Superbonus, il vicepremier Antonio Tajani ha assicurato la lealtà del suo partito nei confronti del governo. Tajani ha inoltre rivendicato il successo sul rinvio della sugar tax, sottolineando che finché Forza Italia sarà al governo, non ci saranno nuove tasse per gli italiani. Ha inoltre minimizzato lo scontro con il ministro Giorgetti, descrivendolo come una differenza di posizioni politiche di principio.

Slittamento della sugar tax

In serata è stato raggiunto un accordo per posticipare l’entrata in vigore della sugar tax al primo luglio 2025. Questo rinvio, che comporta un costo di circa 139 milioni di euro, rappresenta un successo per Forza Italia, come rivendicato dal capogruppo Maurizio Gasparri.



 

***** l’articolo pubblicato è ritenuto affidabile e di qualità*****

Visita il sito e gli articoli pubblicati cliccando sul seguente link

Source link

Informativa sui diritti di autore

La legge sul diritto d’autore art. 70 consente l’utilizzazione libera del materiale laddove ricorrano determinate condizioni:  la citazione o riproduzione di brani o parti di opera e la loro comunicazione al pubblico sono liberi qualora siano effettuati per uso di critica, discussione, insegnamento o ricerca scientifica entro i limiti giustificati da tali fini e purché non costituiscano concorrenza all’utilizzazione economica dell’opera citata o riprodotta.

Vuoi richiedere la rimozione dell’articolo?

Clicca qui

 

 

 

Per richiedere la rimozione dell’articolo clicca qui

La rete #dessonews è un aggregatore di news e replica gli articoli senza fini di lucro ma con finalità di critica, discussione od insegnamento,

come previsto dall’art. 70 legge sul diritto d’autore e art. 41 della costituzione Italiana. Al termine di ciascun articolo è indicata la provenienza dell’articolo.

Il presente sito contiene link ad altri siti Internet, che non sono sotto il controllo di #adessonews; la pubblicazione dei suddetti link sul presente sito non comporta l’approvazione o l’avallo da parte di #adessonews dei relativi siti e dei loro contenuti; né implica alcuna forma di garanzia da parte di quest’ultima.

L’utente, quindi, riconosce che #adessonews non è responsabile, a titolo meramente esemplificativo, della veridicità, correttezza, completezza, del rispetto dei diritti di proprietà intellettuale e/o industriale, della legalità e/o di alcun altro aspetto dei suddetti siti Internet, né risponde della loro eventuale contrarietà all’ordine pubblico, al buon costume e/o comunque alla morale. #adessonews, pertanto, non si assume alcuna responsabilità per i link ad altri siti Internet e/o per i contenuti presenti sul sito e/o nei suddetti siti.

Per richiedere la rimozione dell’articolo clicca qui