Utilizza la funzionalità di ricerca interna #finsubito.

Agevolazioni - Finanziamenti - Ricerca immobili

Puoi trovare una risposta alle tue domande.

 

More results...

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Filter by Categories
#finsubito
#finsubito news video
#finsubitoaste
01_post_Lazio
Agevolazioni
News aste
Post dalla rete
Zes agevolazioni
   


(Adnkronos) – Botta e risposta tra Antonio Tajani e Giancarlo Giorgetti sul superbonus. A “qualche perplessità” del vicepremier ha replicato il ministro dell’Economia.  “Il Superbonus, che in teoria poteva essere un progetto che poteva portare al rilancio del settore dell’edilizia, si è trasformato in un buco nei conti pubblici per la pessima gestione. Molte cose non si possono fare a causa di ciò che è successo”, il giudizio espresso dal ministro degli Esteri durante il Family business forum, a Lecco. “Si sta discutendo dell’ultima parte del Superbonus”, ha proseguito Tajani, “ma ho qualche perplessità sulla retroattività dell’ultima proposta del ministro Giorgetti. Come Forza Italia, vogliamo ascoltare le imprese e le banche per capire se si deve intervenire in Parlamento e fare delle proposte. La parte di retroattività non mi convince: forse dieci anni sono troppi”, ha aggiunto Tajani. A stretto giro la replica di Giorgetti. “Io ho una responsabilità e difendo gli interessi dell’Italia, chiaro?”, ha commentato il ministro dell’Economia, a margine di Investopia Europe.  L’emendamento del governo per spalmare su 10 anni i crediti del superbonus arriverà nel pomeriggio in commissione Finanze al Senato per permettere poi al dl di approdare in Aula al Palazzo Madama mercoledì prossimo alle 15. Una modifica ineluttabile, a quanto apprende l’Adnkronos, nonostante la protesta delle associazioni che permette di diluire gli oneri sulle casse pubbliche del credito d’imposta edilizio al 110%. Verrebbe confermata, come anticipato già ieri dal sottosegretario al Mef Federico Freni, l’applicazione della norma ai bonus fiscali per spese edilizie realizzate dal primo gennaio 2024 che dunque andranno per legge, e non con regime opzionale, ripartite nell’arco di 10 anni e non di 4 o 5 come in precedenza. L’emendamento permette quindi di alleggerire il carico del bonus sulle finanze pubbliche con relativo impatto sul deficit per 700 milioni nel 2025 e di 1,7 mld nel 2026 (circa 0,1% deficit-pil). Intanto le associazioni fanno sentire la loro voce contro la nuova stretta. Per Confedercontribuenti il progetto del governo di diluire i crediti del superbonus su 10 anni condanna al fallimento dalle 8.000 alle 10.000 imprese. “La decisione di rendere obbligatoria la ripartizione in 10 anni delle residue agevolazioni per le ristrutturazioni (Superbonus in primis) desta grosse perplessità. Qualora confermata, questa disposizione annunciata dal Mef cadrebbe come pioggia su un suolo già abbondantemente bagnato”, sottolinea da parte sua Francesco Cataldi, presidente dell’Unione nazionale giovani dottori commercialisti ed esperti contabili.  —politicawebinfo@adnkronos.com (Web Info)



 

***** l’articolo pubblicato è ritenuto affidabile e di qualità*****

Visita il sito e gli articoli pubblicati cliccando sul seguente link

Source link

Informativa sui diritti di autore

La legge sul diritto d’autore art. 70 consente l’utilizzazione libera del materiale laddove ricorrano determinate condizioni:  la citazione o riproduzione di brani o parti di opera e la loro comunicazione al pubblico sono liberi qualora siano effettuati per uso di critica, discussione, insegnamento o ricerca scientifica entro i limiti giustificati da tali fini e purché non costituiscano concorrenza all’utilizzazione economica dell’opera citata o riprodotta.

Vuoi richiedere la rimozione dell’articolo?

Clicca qui

 

 

Prestiti personali immediati

Mutui e prestiti aziendali

Per richiedere la rimozione dell’articolo clicca qui

La rete #dessonews è un aggregatore di news e replica gli articoli senza fini di lucro ma con finalità di critica, discussione od insegnamento,

come previsto dall’art. 70 legge sul diritto d’autore e art. 41 della costituzione Italiana. Al termine di ciascun articolo è indicata la provenienza dell’articolo.

Il presente sito contiene link ad altri siti Internet, che non sono sotto il controllo di #adessonews; la pubblicazione dei suddetti link sul presente sito non comporta l’approvazione o l’avallo da parte di #adessonews dei relativi siti e dei loro contenuti; né implica alcuna forma di garanzia da parte di quest’ultima.

L’utente, quindi, riconosce che #adessonews non è responsabile, a titolo meramente esemplificativo, della veridicità, correttezza, completezza, del rispetto dei diritti di proprietà intellettuale e/o industriale, della legalità e/o di alcun altro aspetto dei suddetti siti Internet, né risponde della loro eventuale contrarietà all’ordine pubblico, al buon costume e/o comunque alla morale. #adessonews, pertanto, non si assume alcuna responsabilità per i link ad altri siti Internet e/o per i contenuti presenti sul sito e/o nei suddetti siti.

Per richiedere la rimozione dell’articolo clicca qui