Utilizza la funzionalità di ricerca interna #finsubito.

Agevolazioni - Finanziamenti - Ricerca immobili

Puoi trovare una risposta alle tue domande.

 

More results...

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Filter by Categories
#finsubito
#finsubito news video
#finsubitoaste
01_post_Lazio
Agevolazioni
News aste
Post dalla rete
Zes agevolazioni
   


di Marzia Marchi*

C’è una Ferrara invisibile che vive tra noi e che solo in pochi intercettano nella sua grande ricchezza ma anche nella propria disperazione.

E la città degli invisibili che meritano l’attenzione soltanto se intercettati per fatti di cronaca nera.

Sono i minori stranieri che mangiano, dormono, camminano tra noi senza che la città abbia la sensazione che esistano, salvo se compiono furti, danni o autolesionismi.

Sto parlando dei Minori Stranieri Non Accompagnati (Msna) che arrivano, smistati come pacchi tra le varie prefetture, che li assegnano poi alle varie comunità di accoglienza o li parcheggiano in hotel se nella Comunità non c’è posto.

Esiste una legge in Italia, cosiddetta legge Zampa, che dal 2017 prevede per loro la designazione di un tutore, affinché possano compiere quelle attività che sono diritto di ogni essere umano, soprattutto se minore, ovvero curarsi, avere un documento di identità, frequentare una scuola, elaborare un progetto per il futuro. La legge Zampa ha anche istituito la figura del tutore volontario e le persone di buona volontà che si sono formate e rese disponibili a farlo non mancano, come la sottoscritta che lo è dal 2018. Tuttavia le buone leggi non sono prerogativa di una buona gestione e perciò accade che questi minori siano distribuiti a volte alla rinfusa sul territorio italiano, con repentini e immotivati spostamenti tra una città e l’altra, che siano accolti in strutture inadeguate o impreparate a gestire le loro peculiarità, che lo ricordiamo sono quelle di ragazzi e ragazze vittime prima di tutto di grave sfruttamento. Per capirci sono quelli che ce la fanno ad attraversare il mare o la frontiera balcanica e non diventano, per pura fortuna, morti sui quali esercitare il bavoso cordoglio istituzionale.

Sono ragazzi che a 16 o 17 anni hanno già vissuto una vita intera, nelle sue parti peggiori, che si trovano a confrontarsi con coetanei tirati su a “divano e hamburger” con i quali non hanno in comune nulla se non l’irrequietezza dell’età.

Per questi ragazzi il primo approccio con l’occidente, immaginato come il miraggio del mondo migliore, è – quando va bene – la montagna burocratica da scalare per ottenere una volta maggiorenni, uno status che consenta loro di non finire in prigione o peggio ancora in un Cpr, in attesa di essere rispediti indietro come un pacco indesiderato.

In uno Stato, in una città, che piange per la denatalità e che vuole istituzionalizzare il ricatto morale sulla scelta abortiva, ci si permette di scartare – come rifiuti – ricchissime risorse di giovani che rappresentano il meglio della società da cui vengono, poiché hanno avuto il coraggio di sopravvivere nonostante le ingiustizie cui sono stati sottoposti. Chi lavora con loro sa quanto il film Io Capitano sia non solo realistico ma perfino edulcorato rispetto alla loro realtà.

Qualcuno obietterà che non li mandiamo indietro, che si fanno bandi, uno anche recente, per trovare i posti in cui accoglierli, che ci sono pure i tutori volontari ma che sono loro talvolta a delinquere e a finire al carcere minorile. Tutto vero, non fosse per come si fanno queste cose: il Tribunale dei Minori che nomina i tutori col contagocce, i bandi con condizioni al ribasso, (qui) che mettono in difficoltà i soggetti che operano nell’accoglienza, le procedure burocratiche che rallentano il rilascio dei documenti, il sistema sanitario che interviene in emergenza ma non offre un solido supporto a sostegno dei traumi che hanno subito, il sistema scolastico rigido che non va incontro alle loro esigenze e intanto loro crescono, diventano maggiorenni e nella maggioranza dei casi finiscono nei percorsi dello sfruttamento lavorativo o della clandestinità criminale, di cui ci occupiamo poi tirando su cancelli e vigilando armati.

Sono molte le cose che si possono fare a livello di amministrazione comunale: innanzitutto ripristinare l’ufficio minori stranieri che faccia da punto di coordinamento e di riferimento tra i vari soggetti coinvolti. In secondo luogo l’investimento in mediatori culturali e in generale l’identificazione di maggiori risorse economiche e professionali a sostegno delle strutture d’accoglienza, oltre a prevedere strutture diverse per le diverse tipologie comportamentali di questi giovani. Quindi l’agevolazione del loro accesso all’istruzione fornendo strutture idonee al Cpia, la scuola pubblica di italiano che perlopiù frequentano, ma anche l’accesso alla scuola superiore e infine un accesso agevolato alla casa e a un percorso di sostegno per l’accesso  al lavoro.

*tutrice volontaria, candidata del Movimento 5 Stelle

Grazie per aver letto questo articolo…
Da 18 anni Estense.com offre una informazione indipendente ai suoi lettori e non ha mai accettato fondi pubblici per non pesare nemmeno un centesimo sulle spalle della collettività. Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati non sempre è sufficiente.
Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge e, speriamo, ci apprezza di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di ferraresi che ci leggono ogni giorno, può diventare fondamentale.

 

OPPURE se preferisci non usare PayPal ma un normale bonifico bancario (anche periodico) puoi intestarlo a:

Scoop Media Edit
IBAN: IT06D0538713004000000035119 (Banca BPER)
Causale: Donazione per Estense.com

 

***** l’articolo pubblicato è ritenuto affidabile e di qualità*****

Visita il sito e gli articoli pubblicati cliccando sul seguente link

Source link

Informativa sui diritti di autore

La legge sul diritto d’autore art. 70 consente l’utilizzazione libera del materiale laddove ricorrano determinate condizioni:  la citazione o riproduzione di brani o parti di opera e la loro comunicazione al pubblico sono liberi qualora siano effettuati per uso di critica, discussione, insegnamento o ricerca scientifica entro i limiti giustificati da tali fini e purché non costituiscano concorrenza all’utilizzazione economica dell’opera citata o riprodotta.

Vuoi richiedere la rimozione dell’articolo?

Clicca qui

 

 

Per richiedere la rimozione dell’articolo clicca qui

La rete #dessonews è un aggregatore di news e replica gli articoli senza fini di lucro ma con finalità di critica, discussione od insegnamento,

come previsto dall’art. 70 legge sul diritto d’autore e art. 41 della costituzione Italiana. Al termine di ciascun articolo è indicata la provenienza dell’articolo.

Il presente sito contiene link ad altri siti Internet, che non sono sotto il controllo di #adessonews; la pubblicazione dei suddetti link sul presente sito non comporta l’approvazione o l’avallo da parte di #adessonews dei relativi siti e dei loro contenuti; né implica alcuna forma di garanzia da parte di quest’ultima.

L’utente, quindi, riconosce che #adessonews non è responsabile, a titolo meramente esemplificativo, della veridicità, correttezza, completezza, del rispetto dei diritti di proprietà intellettuale e/o industriale, della legalità e/o di alcun altro aspetto dei suddetti siti Internet, né risponde della loro eventuale contrarietà all’ordine pubblico, al buon costume e/o comunque alla morale. #adessonews, pertanto, non si assume alcuna responsabilità per i link ad altri siti Internet e/o per i contenuti presenti sul sito e/o nei suddetti siti.

Per richiedere la rimozione dell’articolo clicca qui