Utilizza la funzionalità di ricerca interna #finsubito.

Agevolazioni - Finanziamenti - Ricerca immobili

Puoi trovare una risposta alle tue domande.

 

More results...

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Filter by Categories
#finsubito
#finsubito news video
#finsubitoaste
01_post_Lazio
Agevolazioni
News aste
Post dalla rete
Zes agevolazioni
   


Il Governo, all’interno del Dl Coesione, ha esteso il finanziamento a fondo perduto per i giovani under 35, offrendo loro un sostegno finanziario compreso tra 30mila e 50mila euro per avviare un’impresa. È il programma “Autoimpiego Centro-Nord Italia“, introdotto dal decreto Coesione come una revisione del programma “Resto al Sud”.

Questa iniziativa mira principalmente a supportare giovani e donne che si trovano in situazioni di disoccupazione, marginalità sociale o discriminazione, come definito nel Piano nazionale per giovani, donne e lavoro. Questo include persone inattive, donne senza lavoro e disoccupati che beneficiano di ammortizzatori sociali o altri programmi di sostegno al reddito.

Gli incentivi per aprire nel Centro e nel Nord

Nel nuovo Dl Coesione sono presenti diversi strumenti di promozione dell’autoimpiego nel lavoro autonomo, nelle libere professioni e nell’attività d’impresa. La misura si declina in due interventi: Autoimpiego Centro-Nord Italia e Resto al Sud 2.0. Il precedente incentivo chiamato Resto al Sud sosteneva la nascita e lo sviluppo di nuove attività imprenditoriali e libero professionali in Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Molise, Puglia, Sardegna, Sicilia, nelle aree del cratere sismico del Centro Italia (Lazio, Marche Umbria) e nelle isole minori marine, lagunari e lacustri del Centro-Nord. Le nuove aree dove sarà utilizzabile Autoimpiego Centro-Nord Italia non sono ancora state specificate, ma visto il nome si presume riguarderà le regioni del Centro e del Nord Italia.

I finanziamenti includono l’acquisto di beni e servizi tramite voucher a fondo perduto di 30mila euro, che salgono a 40mila euro se l’investimento riguarda strumenti digitali o orientati alla sostenibilità ambientale e al risparmio energetico. Per le aree colpite dai terremoti del 2009 e 2016, il voucher è aumentato a 40mila euro e sale a 50mila euro per finanziare la digitalizzazione e la transizione energetica.

La seconda opzione fornisce un aiuto per programmi di spesa fino a un valore massimo di 120mila euro, consistente in un contributo a fondo perduto fino al 65% dell’investimento previsto per avviare l’attività nelle regioni del Centro-Nord e del 75% nel caso di attività con sede nelle zone colpite dai terremoti del 2009 e 2016.

La terza opzione è più sostanziosa e riguarda programmi di spesa compresi tra oltre 120mila euro e fino a 200mila euro. Anche in questo caso, si tratta di un contributo a fondo perduto, che però non può superare il 60% dell’investimento per le attività nel Centro-Nord e il 70% per quelle con sede nelle aree colpite dai terremoti del 2009 e 2016.

I destinatari degli incentivi

Gli incentivi sono destinati a diverse categorie di persone, tra cui:

  • Giovani fino a 35 anni disoccupati da almeno un anno.
  • Persone in condizioni di marginalità, vulnerabilità sociale e discriminazione, come definite dal Piano nazionale giovani, donne e lavoro.
  • Inattivi.
  • Donne inoccupate, inattive e disoccupate.
  • Disoccupati beneficiari di ammortizzatori sociali destinatari delle misure del programma di politica attiva Gol – Garanzia di occupabilità dei lavoratori.

Questi finanziamenti possono essere utilizzati per avviare nuove imprese, società tra professionisti o per iniziare un’attività professionale aprendo la partita Iva. Inoltre, se già in possesso di una partita Iva, possono essere utilizzati per avviare una nuova impresa individuale o libera professione, oppure costituendo una società, compresa la Stp (Società Tra Professionisti).

 

***** l’articolo pubblicato è ritenuto affidabile e di qualità*****

Visita il sito e gli articoli pubblicati cliccando sul seguente link

Source link

Informativa sui diritti di autore

La legge sul diritto d’autore art. 70 consente l’utilizzazione libera del materiale laddove ricorrano determinate condizioni:  la citazione o riproduzione di brani o parti di opera e la loro comunicazione al pubblico sono liberi qualora siano effettuati per uso di critica, discussione, insegnamento o ricerca scientifica entro i limiti giustificati da tali fini e purché non costituiscano concorrenza all’utilizzazione economica dell’opera citata o riprodotta.

Vuoi richiedere la rimozione dell’articolo?

Clicca qui

 

 

 

Per richiedere la rimozione dell’articolo clicca qui

La rete #dessonews è un aggregatore di news e replica gli articoli senza fini di lucro ma con finalità di critica, discussione od insegnamento,

come previsto dall’art. 70 legge sul diritto d’autore e art. 41 della costituzione Italiana. Al termine di ciascun articolo è indicata la provenienza dell’articolo.

Il presente sito contiene link ad altri siti Internet, che non sono sotto il controllo di #adessonews; la pubblicazione dei suddetti link sul presente sito non comporta l’approvazione o l’avallo da parte di #adessonews dei relativi siti e dei loro contenuti; né implica alcuna forma di garanzia da parte di quest’ultima.

L’utente, quindi, riconosce che #adessonews non è responsabile, a titolo meramente esemplificativo, della veridicità, correttezza, completezza, del rispetto dei diritti di proprietà intellettuale e/o industriale, della legalità e/o di alcun altro aspetto dei suddetti siti Internet, né risponde della loro eventuale contrarietà all’ordine pubblico, al buon costume e/o comunque alla morale. #adessonews, pertanto, non si assume alcuna responsabilità per i link ad altri siti Internet e/o per i contenuti presenti sul sito e/o nei suddetti siti.

Per richiedere la rimozione dell’articolo clicca qui