Utilizza la funzionalità di ricerca interna #finsubito.

Agevolazioni - Finanziamenti - Ricerca immobili

Puoi trovare una risposta alle tue domande.

 

More results...

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Filter by Categories
#finsubito
#finsubito news video
#finsubitoaste
01_post_Lazio
Agevolazioni
News aste
Post dalla rete
Zes agevolazioni
   


L’incentivo Resto al Sud è stato introdotto per favorire la nascita di nuove attività imprenditoriali e lo sviluppo di quelle già esistenti nel Mezzogiorno e nel Centro Italia, con la concessione di contributi economici e finanziamenti fino a 200.000 euro.

La misura, inizialmente dedicata ai giovani, è stata estesa ai soggetti fino a 55 anni di età, ad altri comuni sul territorio nazionale, alle attività commerciali e alle isole minori. Al 1° febbraio 2024 il totale dei progetti già finanziati sono 17.429.

Ecco cosa sapere sui finanziamenti Resto al Sud 2024 per le imprese meridionali, tutte le novità. quali sono i requisiti necessari e come presentare domanda.

COS’È RESTO AL SUD 2024

Resto al Sud è un incentivo rivolto agli imprenditori del Mezzogiorno e prevede una serie di azioni volte a sostenere la nascita e la crescita di attività imprenditoriali e libero professionali, con particolare attenzione all’iniziativa giovanile.

Fa affidamento ad una serie di contributi economici, in parte a fondo perduto, e ad una dotazione finanziaria pari ad 1 miliardo e 250.000 di euro.

Introdotto dal Decreto Legge 20 giugno 2017, n. 91, nell’ambito del piano di interventi finalizzati a favorire la crescita economica nel Mezzogiorno, Resto al Sud è una misura strutturale affidata in gestione all’Agenzia nazionale per l’attrazione degli investimenti e lo sviluppo di impresa SpA (Invitalia). È attiva, cioè, anche nel 2024.

Nel corso dei circa 7 anni di vita, tra l’altro, Resto al Sud ha subito una progressiva espansione applicativa andando a toccare sempre più territori e includendo sempre più beneficiari. Andiamo a vedere i dettagli.

REQUISITI RESTO AL SUD

Chi può usufruire del Resto al Sud? Possono richiedere i contributi economici Resto al Sud 2024 i soggetti che possiedono i seguenti requisiti:

  • hanno un’età compresa tra i 18 e i 55 anni;

  • sono residenti nei territori sopraelencati o si trasferiscono entro 60 giorni dall’eventuale accoglimento della richiesta di finanziamento (entro 120 giorni se risiedono all’estero);

  • non hanno un rapporto di lavoro a tempo indeterminato per tutta la durata del finanziamento;

  • non sono già titolari di altra attività di impresa in esercizio alla data del 21 giugno 2017;

  • se liberi professionisti, non risultano titolari di partita IVA, nei 12 mesi antecedenti alla presentazione della domanda, per lo svolgimento di un’attività analoga a quella per cui chiedono le agevolazioni;

  • non risultano beneficiari, negli ultimi 3 anni, di altre misure nazionali a favore dell’autoimprenditorialità;

  • hanno costituito o intendono costituire imprese individuali o società, comprese le cooperative, con sede legale o operativa nei territori destinatari della misura Resto al Sud. Per le società già costituite, la costituzione deve essere avvenuta successivamente alla data del 21 giugno 2017. Per le società costituende la costituzione deve avvenire entro 60 giorni (120 giorni in caso di residenza all’estero) dall’esito positivo dell’istruttoria

Possono, inoltre, chiedere i finanziamenti i liberi professionisti (in forma societaria o individuale) che non risultano titolari di partita IVA nei 12 mesi antecedenti la presentazione della domanda per lo svolgimento di un’attività analoga a quella proposta (codice ATECO non identico fino alla terza cifra di classificazione delle attività economiche).

È bene precisare che per le aree del cratere sismico, non ci sono limiti di età per i 24 Comuni nei quali più del 50% degli edifici è stato dichiarato inagibile, di cui mettiamo a vostra disposizione l’elenco scaricabile.

QUANDO SCADE IL BANDO IO RESTO AL SUD

Il “bando” per i finanziamenti Resto al Sud 2024 non ha scadenza. I fondi della misura possono essere richiesti fino a esaurimento delle risorse disponibili.

Non ci sono veri e propri bandi, scadenze o graduatorie: le domande vengono valutate in base all’ordine cronologico di arrivo.

COME FUNZIONA RESTO AL SUD

Resto al Sud consente di ottenere degli aiuti economici sulla base di specifici progetti imprenditoriali. Le agevolazioni Resto al Sud sono così composte:

  • 50% di contributo a fondo perduto;

  • 50% di finanziamento bancario garantito dal Fondo di Garanzia per le PMI. Gli interessi sono interamente a carico di Invitalia.

Ma quando arrivano esattamente i soldi di Resto al Sud? La tempistica di erogazione è di 30 giorni dalla ricezione completa della documentazione per il primo finanziamento (primo SAL) e di 60 giorni per il finanziamento a saldo (SAL a saldo). Quest’ultimo viene rilasciato dopo un’analisi della documentazione e un sopralluogo per verificare gli investimenti effettuati e le spese sostenute.

Di norma, le imprese che ricevono l’approvazione e hanno un contratto di finanziamento agevolato hanno 24 mesi per completare il piano di spesa a partire dalla data di approvazione del finanziamento.

QUANTI SOLDI DANNO CON RESTO AL SUD

Resto al Sud copre fino al 100% delle spese, con un finanziamento massimo di 50.000 euro per ogni richiedente, che può arrivare fino a 200.000 euro nel caso di società composte da quattro soci. Per le sole imprese esercitate in forma individuale, con un solo soggetto proponente, il finanziamento massimo è pari a 60.000 euro.

A supporto del fabbisogno di circolante, è previsto un ulteriore contributo a fondo perduto:

  • 15.000 euro per le ditte individuali e le attività professionali svolte in forma individuale;

  • fino a un massimo di 40.000 euro per le società.

Il contributo viene erogato al completamento del programma di spesa, contestualmente al saldo dei contributi concessi. La rendicontazione avviene con la presentazione di due SAL (primo SAL e SAL a saldo) oppure di un SAL unico.

ESTENSIONE DELLA MISURA

Come anticipato, attraverso diversi interventi normativi dal 2019 al 2021 la misura è stata estesa a più soggetti beneficiari e a più territori. Vediamo in dettaglio le novità introdotte, valide anche nel 2024:

  1. incremento dei beneficiari – la Legge di Bilancio 2021 ha allargato la platea dei beneficiari ai soggetti fino a 55 anni. La misura, inizialmente rivolta ai giovani tra 18 e 35 anni di età, poi estesa agli under 46 e ai liberi professionisti, è dunque aperta anche agli under 56;

  2. estensione ai territori del cratere sismico – il Decreto Legge 24 ottobre 2019, n. 123, convertito, con modificazioni, dalla Legge 12 dicembre 2019, n. 156, ha ha esteso i territori in cui è fruibile il beneficio, includendo i comuni del c.d. cratere sismicoossia quelli colpiti dai terremoti del 2016 e 2017;

  3. estensione al commercio e alle isole minori – con il Decreto Legge 10 settembre 2021, n. 121, convertito, con modificazioni, dalla Legge 9 novembre 2021, n. 156, il Parlamento ha deciso di estendere la misura anche alle attività commerciali e alle isole minori del Centro-Nord.

TERRITORI DI RIFERIMENTO

L’incentivo Resto al Sud è attivo per i residenti nei seguenti territori:

Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Molise, Puglia, Sardegna e Sicilia;


Comuni del cosiddetto cratere sismico situati in Lazio, Marche e Umbria;


isole minori marine, ovvero:

  • Campo nell’Elba;
  • Capoliveri;
  • Capraia;
  • Giglio;
  • Marciana;
  • Marciana Marina;
  • Ponza;
  • Porto Azzurro;
  • Portoferraio;
  • Portovenere;
  • Rio;
  • Ventotene;

isole lagunari e lacustri, ovvero:

  • laguna veneta: Lido, Murano, Pellestrina, Burano, Sant’Erasmo, Mazzorbo, Vignole, Torcello, San Giorgio, San Michele, San Clemente, San Francesco del Deserto, Marzobetto, San Lazzaro degli Armeni;
  • laguna di Grado: Isola di Grado, Isola di Santa Maria di Barbana, Isola di Morgo;
  • isole del lago d’Iseo: Monte Isola;
  • isole del lago di Garda;
  • Comacina (lago di Como);
  • isola d’Orta – San Giulio;
  • isole del lago Trasimeno: Isola Maggiore e Isola Polvese;
  • isole Borromee: Isola Superiore, Isola Bella, Isola Madre, Isola San Giovanni.

ATTIVITÀ FINANZIABILI

Cosa si può aprire con Resto al Sud 2024? Per richiedere le agevolazioni, le imprese costituite o da costituire devono far riferimento a uno dei seguenti settori:

  • attività produttive nei settori industria, artigianato, trasformazione dei prodotti agricoli, pesca e acquacoltura;

  • fornitura di servizi alle imprese e alle persone;



  • attività libero professionali (sia in forma individuale che societaria).

Sono escluse le attività agricole e qualsiasi attività commerciale sia al dettaglio che all’ingrosso, che sia fisico o online. Dalla sua istituzione e fino alla data del 1° febbraio 2024, Resto al Sud ha finanziato 17.429 progetti, ha concesso 881 milioni di euro di agevolazioni e ha creato 61.283 posti di lavoro.

RESTO AL SUD PROGETTI APPROVATI, ESEMPI

Alcuni esempi di idee imprenditoriali finanziabili con Resto al Sud potrebbero essere:

  • attività di bar e ristorazione;

  • estetica, barbieri e parrucchieri;



SPESE AMMISSIBILI

Quali attività si possono aprire con Resto al Sud 2024? Con la misura possono essere finanziate le seguenti spese:

  • ristrutturazione o manutenzione straordinaria di beni immobili (massimo 30% del programma di spesa);

  • macchinari, impianti e attrezzature nuovi programmi informatici e servizi per le tecnologie, l’informazione e la telecomunicazione;

  • spese di gestione (materie prime, materiali di consumo, utenze, canoni di locazione, canoni di leasing, garanzie assicurative) – massimo 20% del programma di spesa.

Non sono ammissibili le spese di progettazione e promozionali, le spese per le consulenze e per il personale dipendente. Vediamo anche, per chiedere gli aiuti di Resto al Sud a chi rivolgersi e come fare domanda.

COME FARE DOMANDA PER RESTO AL SUD

Coloro che desiderano richiedere le agevolazioni per le imprese del Sud possono inviare apposita domanda online, tramite il portale web di Invitalia in questa pagina, previa registrazione, seguendo le indicazioni contenute nell’apposita GUIDA (Pdf 2,41 Mb). Ricordiamo che il bando Resto al Sud non ha scadenze e lo sportello di domanda è sempre aperto. Vediamo come fare a diventare beneficiari della misura.

1) LA PROCEDURA

Per richiedere le agevolazioni è necessario:

  • essere in possesso di una identità SPID, CIE o CNS per accedere alla piattaforma dedicata;

  • accedere all’area riservata tramite l’identità digitale per compilare direttamente online la domanda, caricare il business plan e gli allegati.

Per concludere la procedura di presentazione della domanda è necessario disporre di una firma digitale e di un indirizzo di posta elettronica certificata (PEC). Al termine della compilazione del piano di impresa e dell’invio telematico della domanda con i relativi allegati, viene assegnato un protocollo elettronico. Dopo la presentazione della domanda, alla voce Gestione contatti, è possibile eventualmente modificare numeri di telefono, indirizzo mail e PEC.

2) MODULI UTILI

Per presentare la domanda Invitalia in questa pagina mette a disposizione tutta la modulistica utile tra cui il format per il business plan e i moduli per presentare domanda relativi a

  • Imprese individuali / Società costituite – Attività libero professionali individuali / Società tra professionisti costituite;

  • Imprese individuali / Società NON costituite – Attività libero professionali individuali / Società tra professionisti NON costituite.

Per le attività libero professionali, sia in forma individuale che in forma di società tra professionisti (STP) già avviate, sarà necessario aggiungere alla documentazione per la presentazione della domanda anche l’attestazione d’iscrizione all’albo professionale o adesione all’associazione professionale.

ITER DI VALUTAZIONE

Generalmente Invitalia valuta i progetti imprenditoriali entro 60 giorni dal ricevimento della domanda. L’iter di valutazione comprende anche un colloquio online con i proponenti.

GUIDA AL COLLOQUIO ONLINE

Dopo aver inoltrato la domanda di finanziamento a Invitalia per accedere agli incentivi Resto al Sud, potreste essere convocati, insieme al vostro team, per un incontro con gli analisti al fine di discutere dettagliatamente il vostro piano d’impresa.

Per accelerare i tempi di valutazione e semplificare il percorso per i beneficiari, l’incontro può essere svolto online tramite la piattaforma Skype for Business.

Gli incontri via Skype prevedono l’invio automatico di un link generato dal sistema. Cliccando su questo link, si accede a un’aula virtuale per partecipare all’incontro. Per un corretto accesso nell’aula virtuale, dove si svolgerà il colloquio, vi consigliamo di leggere con attenzione la guida al colloquio (Pdf 747 Kb).

In caso di difficoltà nell’accesso all’aula virtuale, potete scrivere, a partire dall’orario previsto per lo svolgimento del colloquio istruttorio, alla casella di posta elettronica restoalsud.colloqui@invitalia.it.

LE BANCHE FINANZIATRICI

I finanziamenti bancari di Resto al Sud sono concessi solo da istituti di credito che aderiscono alla convenzione Invitalia-ABI. Qui potete vedere l’elenco delle banche accreditate (in continuo aggiornamento).

INFORMAZIONI, SERVIZIO ASSISTENZA E FAQ

Per Resto al Sud, a chi rivolgersi? Se avete bisogno di aiuto per mettere a punto il vostro progetto imprenditoriale potete chiedere assistenza gratuita agli enti accreditati con Invitalia. Potete trovare quelli più vicini alla vostra zona visitando questa pagina.

Sul sito Invitalia anche disponibili una sezione con le risposte alle domande e risposte frequenti (FAQ), i video informativi su Resto al Sud e la sezione in cui scaricare l’apposita APP Resto al Sud. Inoltre, per avere informazioni è possibile telefonare al numero 848.886.886, attivo dal lunedì al venerdì, dalle 9:00 alle 18:00.

QUANTO COSTA FARE UNA PRATICA RESTO AL SUD

Il costo complessivo per il processo burocratico al fine di richiedere il bonus Resto al Sud 2024 si aggira mediamente tra 1.200 e 1.500 euro. Ciò, considerando i costi per la consulenza, gli onorari dei professionisti e la preparazione della documentazione necessaria.

COSA SUCCEDE IN CASO DI FALLIMENTO CON RESTO AL SUD

Se con Resto al Sud l’impresa fallisce, è possibile trovarsi nella situazione in cui risulta difficile rimborsare le rate del finanziamento, stabilite durante la stipulazione del contratto dello stesso. Dunque, può accadere questo:

  • a seguito del mancato pagamento di due, e non oltre, rate semestrali del finanziamento, l’impresa può fare richiesta ad Invitalia di una dilazione di pagamento delle rate scadute e non rimborsate;

  • a seguito di questa richiesta, Invitalia provvederà in un secondo momento a concordare con l’attività beneficiaria un piano di dilazione del debito, che sarà tenuto a prevedere l’obbligo da parte della beneficiaria di rendere la somma dovuta, attraverso rate mensili che non dovranno in nessun caso superare il termine di scadenza del finanziamento.

In caso di mancato rimborso anche di una sola rata del piano di dilazione rispetto alle scadenze patteggiate comporterà alcune conseguenze, tra cui:

  • l’immediata risoluzione del programma di dilazione;

  • la risoluzione del contratto di finanziamento originariamente stipulato;

  • l’avvio, da parte di Invitalia, dei procedimenti giudiziari di recupero forzoso dell’intera somma di debito.

QUALI INCENTIVI CI SONO PER APRIRE UN’ATTIVITÀ NEL 2024

Le agevolazioni e gli incentivi per aprire un’attività sono numerosi e coinvolgono donne, giovani. Ci sono anche tante iniziative per il sud Italia e incentivi per l’agricoltura o per l’autoimprenditorialità a livello nazionale, tra contributi a fondo perduto, finanziamenti agevolati per le imprese o bonus imprese del 2024. Vi invitiamo anche a leggere le guide su tutti gli incentivi per l’imprenditoria giovanile, quelli per l’imprenditoria femminile o l’elenco dei principali incubatori e acceleratori per startup in Italia.

RIFERIMENTI NORMATIVI

L’intera normativa può essere visionata in questa pagina del sito web di Invitalia.

ALTRI AIUTI E AGGIORNAMENTI

Vi segnaliamo di approfondire la nuova misura, Resto al Sud 2.0. 2024, approvata sulla falsa riga di “Resto al SUD“, ma diversa in molti aspetti e che si può chiedere in contemporanea.

Vi consigliamo anche il nostro articolo sui bonus per le imprese del Sud. Può tornarvi utile anche il nostro approfondimento sul credito d’imposta ZES per le imprese che investono nel Mezzogiorno.

Poi, vi consigliamo di leggere la nostra guida che raccoglie i bonus e le agevolazioni per lavoratori, imprese e famiglie nel 2024 o quella sugli incentivi alle assunzioni. Da non perdere neppure le misure del pacchetto lavoro o del pacchetto famiglia inseriti nella Legge di Bilancio 2024.

Per conoscere tutte le altre forme di agevolazioni è possibile visitare la nostra pagina dedicata gli aiuti per le imprese.

Per restare sempre aggiornati è possibile iscriversi alla nostra newsletter gratuita e al nostro canale Telegram per ricevere le notizie in anteprima. È anche possibile restare aggiornati seguendo il nostro canale Whatsapp e il nostro canale TikTok @ticonsigliounlavoro.


di Valeria C.


Giornalista, esperta di leggi, politica e lavoro pubblico.

© RIPRODUZIONE RISERVATA.
Tutti gli annunci di lavoro pubblicati sono rivolti indistintamente a candidati di entrambi i sessi, nel pieno rispetto della Legge 903/1977.


Per restare aggiornato iscriviti alla nostra newsletter gratuita e al nostro Canale Telegram. Seguici su Google News cliccando su “segui”.




 

***** l’articolo pubblicato è ritenuto affidabile e di qualità*****

Visita il sito e gli articoli pubblicati cliccando sul seguente link

Source link

Informativa sui diritti di autore

La legge sul diritto d’autore art. 70 consente l’utilizzazione libera del materiale laddove ricorrano determinate condizioni:  la citazione o riproduzione di brani o parti di opera e la loro comunicazione al pubblico sono liberi qualora siano effettuati per uso di critica, discussione, insegnamento o ricerca scientifica entro i limiti giustificati da tali fini e purché non costituiscano concorrenza all’utilizzazione economica dell’opera citata o riprodotta.

Vuoi richiedere la rimozione dell’articolo?

Clicca qui

 

 

 

Per richiedere la rimozione dell’articolo clicca qui

La rete #dessonews è un aggregatore di news e replica gli articoli senza fini di lucro ma con finalità di critica, discussione od insegnamento,

come previsto dall’art. 70 legge sul diritto d’autore e art. 41 della costituzione Italiana. Al termine di ciascun articolo è indicata la provenienza dell’articolo.

Il presente sito contiene link ad altri siti Internet, che non sono sotto il controllo di #adessonews; la pubblicazione dei suddetti link sul presente sito non comporta l’approvazione o l’avallo da parte di #adessonews dei relativi siti e dei loro contenuti; né implica alcuna forma di garanzia da parte di quest’ultima.

L’utente, quindi, riconosce che #adessonews non è responsabile, a titolo meramente esemplificativo, della veridicità, correttezza, completezza, del rispetto dei diritti di proprietà intellettuale e/o industriale, della legalità e/o di alcun altro aspetto dei suddetti siti Internet, né risponde della loro eventuale contrarietà all’ordine pubblico, al buon costume e/o comunque alla morale. #adessonews, pertanto, non si assume alcuna responsabilità per i link ad altri siti Internet e/o per i contenuti presenti sul sito e/o nei suddetti siti.

Per richiedere la rimozione dell’articolo clicca qui