Prestiti personali immediati

Mutui e prestiti aziendali

Utilizza la funzionalità di ricerca interna #finsubito.

Agevolazioni - Finanziamenti - Ricerca immobili

Puoi trovare una risposta alle tue domande.

 

More results...

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Filter by Categories
#finsubito
#finsubito news video
#finsubitoaste
01_post_Lazio
Agevolazioni
News aste
Post dalla rete
Zes agevolazioni
   


A breve la fase di sperimentazione

Pubblicato il 10 May 2024

Dopo un lungo percorso, si parte. Gli appartamenti offerti in affitto breve dovranno esporre un Codice identificativo nazionale. Il via libera è arrivato dalla Commissione Politiche del turismo della Conferenza delle Regioni e Province autonome, presieduta dal coordinatore, l’assessore abruzzese Daniele D’Amario.


Mettere ordine tra i codici


Il parere positivo riguarda, in particolare, il decreto sull’interoperabilità delle banche dati regionali, predisposto dal ministero del Turismo. In sostanza, un’apertura degli archivi locali senza i quali il Cin sarebbe impossibile. Diverse regioni, infatti, hanno già un proprio codice identificativo. Il passo necessario era renderlo nazionale, in modo da avere un meccanismo unico di identificazione delle strutture in tutta Italia.


Gli obiettivi


L’obiettivo dichiarato è ridurre le frodi e aumentare la trasparenza degli affitti brevi, in modo da regolamentare il settore senza sacrificarlo. Da una parte, infatti, c’è il suo grande peso economico: secondo l’Ufficio studi dell’associazione italiana gestori affitti brevi (Aigab), il contributo al Pil per i soli ponti di primavera è di circa 1,4 miliardi di euro.


Dall’altra parte, però, c’è una tendenza a svuotare i centri storici e a condizionare il mercato immobiliare delle città a vocazione turistica. In sostanza, compra chi decide di mettere a reddito gli immobili, facendo lievitare i prezzi e rendendo gli acquisti e i mutui inaccessibili per chi quelle zone vorrebbe abitarle.


I prossimi passi


Il parere positivo della Commissione sblocca il decreto, che arriverà entro maggio. Seguirà una fase di sperimentazione, con l’obiettivo di arrivare a pieno regime da inizio settembre.


Dal momento della piena entrata in vigore, chi offre un appartamento in affitto breve dovrà esporre il Codice identificativo nazionale sulle piattaforme online, all’interno e all’esterno dell’unità immobiliare (condomini compresi). In caso contrario, si rischiano sanzioni fino a 5.000 euro.

Il profilo dell’autore

Paolo Fiore Giornalista professionista e leccese in trasferta: Bologna, Roma, New York, Milano. Dopo la Scuola di giornalismo Walter Tobagi, ha scritto per Affaritaliani, MF-Milano Finanza, l’Espresso, Startupitalia e Skytg24.it. Si occupa di economia e innovazione per Agi, FocuSicilia e collabora con il gruppo Rcs.

 

***** l’articolo pubblicato è ritenuto affidabile e di qualità*****

Visita il sito e gli articoli pubblicati cliccando sul seguente link

Source link

Informativa sui diritti di autore

La legge sul diritto d’autore art. 70 consente l’utilizzazione libera del materiale laddove ricorrano determinate condizioni:  la citazione o riproduzione di brani o parti di opera e la loro comunicazione al pubblico sono liberi qualora siano effettuati per uso di critica, discussione, insegnamento o ricerca scientifica entro i limiti giustificati da tali fini e purché non costituiscano concorrenza all’utilizzazione economica dell’opera citata o riprodotta.

Vuoi richiedere la rimozione dell’articolo?

Clicca qui

 

 

 

Per richiedere la rimozione dell’articolo clicca qui

La rete #dessonews è un aggregatore di news e replica gli articoli senza fini di lucro ma con finalità di critica, discussione od insegnamento,

come previsto dall’art. 70 legge sul diritto d’autore e art. 41 della costituzione Italiana. Al termine di ciascun articolo è indicata la provenienza dell’articolo.

Il presente sito contiene link ad altri siti Internet, che non sono sotto il controllo di #adessonews; la pubblicazione dei suddetti link sul presente sito non comporta l’approvazione o l’avallo da parte di #adessonews dei relativi siti e dei loro contenuti; né implica alcuna forma di garanzia da parte di quest’ultima.

L’utente, quindi, riconosce che #adessonews non è responsabile, a titolo meramente esemplificativo, della veridicità, correttezza, completezza, del rispetto dei diritti di proprietà intellettuale e/o industriale, della legalità e/o di alcun altro aspetto dei suddetti siti Internet, né risponde della loro eventuale contrarietà all’ordine pubblico, al buon costume e/o comunque alla morale. #adessonews, pertanto, non si assume alcuna responsabilità per i link ad altri siti Internet e/o per i contenuti presenti sul sito e/o nei suddetti siti.

Per richiedere la rimozione dell’articolo clicca qui