Utilizza la funzionalità di ricerca interna #finsubito.

Agevolazioni - Finanziamenti - Ricerca immobili

Puoi trovare una risposta alle tue domande.

 

More results...

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Filter by Categories
#finsubito
#finsubito news video
#finsubitoaste
01_post_Lazio
Agevolazioni
News aste
Post dalla rete
Zes agevolazioni
   


NewTuscia – L’installazione di un nuovo ascensore nel palazzo prevede una procedura che si basa sul rispetto di alcune normative, che hanno l’obiettivo di rendere l’ascensore utilizzabile da persone con disabilità. Se il palazzo è dotato di più appartamenti ed è quindi un condominio, oltre al rispetto delle normative vigenti, è necessario ottenere il permesso di realizzazione mediante assemblea condominiale.
Dopo aver ottenuto la delibera, si passa alla valutazione dei costi, che possono essere ridotti se si sceglie di usufruire delle agevolazioni fiscali.
In questo articolo valuteremo tutte le normative in vigore sugli ascensori e i costi per l’installazione.

Nuovo ascensore: le normative

La legge di riferimento per gli ascensori è la 13/1989 sull’abbattimento delle barriere architettoniche e i successivi aggiornamenti e la norma del 30 marzo 2017 che contiene tutte le indicazioni per realizzare un impianto di sollevamento in sicurezza, considerando gli standard di conformità e gli obblighi per gli installatori, i fabbricatori, gli importatori e i distributori.

Per quanto riguarda la manutenzione dell’ascensore condominiale, le disposizioni sono indicate nel DPR 62/99, che obbliga ad effettuare manutenzioni, senza tuttavia essere preciso sul numero e la periodicità. Si consiglia comunque un controllo per gli ascensori condominiali con cadenza semestrale.  Le verifiche periodiche dell’ascensore condominiale devono invece essere svolte ogni due anni da un ente autorizzato. Per la manutenzione dell’ascensore si deve richiedere un servizio di manutenzione ascensori a Viterbo perché va stipulato un regolare contratto con ditta autorizzata.

Nella legge 13-1989 sono contenute anche le specifiche sulle dimensioni, che cambiano in base al tipo di costruzione.
Negli edifici residenziali di nuova costruzione le misure minime della cabina ascensore sono di 130 cm di profondità, 95 centimetri di larghezza e la porta con luce di 80 cm sul lato corto.
Per edifici già esistenti ove non è possibile installare una cabina più grande, le dimensioni minime sono 120 cm di profondità, 80 centimetri di larghezza e una porta con luce di 75 centimetri sul lato corto.

 

Nuovo ascensore nel palazzo: i costi

Il costo di un ascensore varia in base al tipo di impianto e in base alle caratteristiche dell’ascensore.

Tra i fattori da considerare ci sono:

  • la portata, ossia la capacità di trasporto;
  • le dimensioni della cabina e dell’impianto;
  • il numero di piani da servire;
  • la velocità di sollevamento;
  • i materiali utilizzati;
  • eventuali costi accessori per adattare la struttura all’impianto.

 

Per avere un’idea di massima sulle spese da affrontare, si può considerare una forbice di prezzo che va dai 20,000 euro per un ascensore di piccole dimensioni con portata di 4 persone che serve due piani ai 40,000 euro per un ascensore con cabina media, portata per 8 persone e 4 piani da servire.

I costi si possono ridurre con i bonus casa, che permettono di avere agevolazioni fiscali anche per l’installazione dell’ascensore. Tra le agevolazioni più convenienti c’è il bonus barriere architettoniche 2024 che l’obiettivo di rendere più accessibili gli edifici. Nel 2024 il bonus barriere architettoniche ha introdotto delle novità ma resta il 75% di agevolazione fiscale per la realizzazione di opere che hanno l’obiettivo di eliminare tutti gli ostacoli all’accessibilità e l’impianto di elevazione è tra questi. Il bonus si può applicare sia nelle strutture private sia nei condomini o negli edifici pubblici e non è obbligatorio che ci sia una persona con disabilità.

 

***** l’articolo pubblicato è ritenuto affidabile e di qualità*****

Visita il sito e gli articoli pubblicati cliccando sul seguente link

Source link

Informativa sui diritti di autore

La legge sul diritto d’autore art. 70 consente l’utilizzazione libera del materiale laddove ricorrano determinate condizioni:  la citazione o riproduzione di brani o parti di opera e la loro comunicazione al pubblico sono liberi qualora siano effettuati per uso di critica, discussione, insegnamento o ricerca scientifica entro i limiti giustificati da tali fini e purché non costituiscano concorrenza all’utilizzazione economica dell’opera citata o riprodotta.

Vuoi richiedere la rimozione dell’articolo?

Clicca qui

 

 

 

Per richiedere la rimozione dell’articolo clicca qui

La rete #dessonews è un aggregatore di news e replica gli articoli senza fini di lucro ma con finalità di critica, discussione od insegnamento,

come previsto dall’art. 70 legge sul diritto d’autore e art. 41 della costituzione Italiana. Al termine di ciascun articolo è indicata la provenienza dell’articolo.

Il presente sito contiene link ad altri siti Internet, che non sono sotto il controllo di #adessonews; la pubblicazione dei suddetti link sul presente sito non comporta l’approvazione o l’avallo da parte di #adessonews dei relativi siti e dei loro contenuti; né implica alcuna forma di garanzia da parte di quest’ultima.

L’utente, quindi, riconosce che #adessonews non è responsabile, a titolo meramente esemplificativo, della veridicità, correttezza, completezza, del rispetto dei diritti di proprietà intellettuale e/o industriale, della legalità e/o di alcun altro aspetto dei suddetti siti Internet, né risponde della loro eventuale contrarietà all’ordine pubblico, al buon costume e/o comunque alla morale. #adessonews, pertanto, non si assume alcuna responsabilità per i link ad altri siti Internet e/o per i contenuti presenti sul sito e/o nei suddetti siti.

Per richiedere la rimozione dell’articolo clicca qui