Utilizza la funzionalità di ricerca interna #finsubito.

Agevolazioni - Finanziamenti - Ricerca immobili

Puoi trovare una risposta alle tue domande.

 

More results...

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Filter by Categories
#finsubito
#finsubito news video
#finsubitoaste
01_post_Lazio
Agevolazioni
News aste
Post dalla rete
Zes agevolazioni
   


Il braccio di prestito multimiliardario dell’UE ha annunciato mercoledì (8 maggio) modifiche alla sua politica di lunga data di non investire in prodotti militari, rinunciando alle restrizioni sugli investimenti a duplice uso.

Il consiglio di amministrazione della Banca europea per gli investimenti (BEI) ha approvato una “definizione aggiornata di beni e infrastrutture a duplice uso ammissibili al finanziamento del Gruppo BEI”, eliminando la soglia minima per le entrate previste da applicazioni civili o la quota di utenti civili all’interno di qualsiasi difesa. investimenti correlati, hanno affermato nella loro dichiarazione.

Fino ad ora, i suoi criteri di prestito a duplice uso limitavano gli investimenti della banca in progetti legati alla difesa a quelle applicazioni civili che superano il loro uso militare.

I ministri delle finanze dell’UE, che ricoprono il ruolo di direttori della BEI, hanno concordato di “facilitare il finanziamento” per le piccole e medie imprese (PMI) coinvolte nella sicurezza e nella difesa, “aprendo finanziamenti intermediari dedicati”.

Hanno anche aggiunto “progetti e infrastrutture utilizzati dall’esercito o dalla polizia che servono anche i bisogni civili” all’elenco degli investimenti target ammissibili della banca.

La mossa amplierebbe la sua capacità di investire in prodotti e tecnologie utilizzati solo dalle forze armate, tra cui sicurezza informatica, radar, tecnologia satellitare, infrastrutture e attrezzature, nella misura in cui non implichino rischi letali.

“Si prevede che i cambiamenti accelereranno gli investimenti e miglioreranno l’accesso ai finanziamenti del Gruppo BEI per il settore europeo della sicurezza e della difesa”, ha affermato la BEI. Disponeva già di un finanziamento di 6 miliardi di euro nell’ambito dell’Iniziativa strategica europea per la sicurezza (SESI) e del Fondo di partecipazione alla difesa del Fondo europeo per gli investimenti (FEI).

La decisione fa seguito alle numerose richieste dei leader dell’UE negli ultimi due anni, dall’invasione su vasta scala dell’Ucraina da parte della Russia, affinché la banca esplorasse modi per aumentare i prestiti ai settori della difesa e della sicurezza del blocco.

Mentre l’industria europea della difesa e i ministeri della difesa chiedevano da tempo alla BEI di aumentare il suo contributo agli intensificati sforzi di difesa dell’UE, è stato solo a febbraio che la richiesta è stata spostata sul tavolo dei ministri delle finanze e il capo della BEI Nadia Calviño ha aperto un due consultazione mensile con la Commissione europea.

Secondo diverse fonti che hanno familiarità con i negoziati, una precondizione chiave per qualsiasi mossa della BEI oltre il suo tradizionale mandato di prestito dipenderebbe dalla sua capacità di mantenere i suoi rating creditizi di prim’ordine, nonché i rating ambientali, sociali e di governance (ESG).

Soprattutto il suo punteggio di credito Triple A principale consente al creditore di ottenere condizioni di prestito molto favorevoli sul mercato. Questa è una priorità chiave per gli azionisti della banca – i 27 stati membri del blocco – che né la banca né i governi nazionali sarebbero disposti a mettere a repentaglio, come riportato in precedenza da Euractiv.

La settimana scorsa, il colosso statunitense del rating Moody’s è stata la prima agenzia di rating a confermare che il rating creditizio complessivo della BEI – e non solo il suo punteggio ESG – sarebbe stato esaminato attentamente in caso di modifiche sostanziali alla sua politica sul duplice uso. Finora, dopo il primo rapporto di Euractiv, è stato messo in discussione solo il rating ESG della banca.

[A cura di Alexandra Brzozowski/Rajnish Singh]

Scopri di più con Euractiv

Iscriviti ora alla nostra newsletter Elezioni europee decodificate

 

***** l’articolo pubblicato è ritenuto affidabile e di qualità*****

Visita il sito e gli articoli pubblicati cliccando sul seguente link

Source link

Informativa sui diritti di autore

La legge sul diritto d’autore art. 70 consente l’utilizzazione libera del materiale laddove ricorrano determinate condizioni:  la citazione o riproduzione di brani o parti di opera e la loro comunicazione al pubblico sono liberi qualora siano effettuati per uso di critica, discussione, insegnamento o ricerca scientifica entro i limiti giustificati da tali fini e purché non costituiscano concorrenza all’utilizzazione economica dell’opera citata o riprodotta.

Vuoi richiedere la rimozione dell’articolo?

Clicca qui

 

 

 

Per richiedere la rimozione dell’articolo clicca qui

La rete #dessonews è un aggregatore di news e replica gli articoli senza fini di lucro ma con finalità di critica, discussione od insegnamento,

come previsto dall’art. 70 legge sul diritto d’autore e art. 41 della costituzione Italiana. Al termine di ciascun articolo è indicata la provenienza dell’articolo.

Il presente sito contiene link ad altri siti Internet, che non sono sotto il controllo di #adessonews; la pubblicazione dei suddetti link sul presente sito non comporta l’approvazione o l’avallo da parte di #adessonews dei relativi siti e dei loro contenuti; né implica alcuna forma di garanzia da parte di quest’ultima.

L’utente, quindi, riconosce che #adessonews non è responsabile, a titolo meramente esemplificativo, della veridicità, correttezza, completezza, del rispetto dei diritti di proprietà intellettuale e/o industriale, della legalità e/o di alcun altro aspetto dei suddetti siti Internet, né risponde della loro eventuale contrarietà all’ordine pubblico, al buon costume e/o comunque alla morale. #adessonews, pertanto, non si assume alcuna responsabilità per i link ad altri siti Internet e/o per i contenuti presenti sul sito e/o nei suddetti siti.

Per richiedere la rimozione dell’articolo clicca qui