Prestiti personali immediati

Mutui e prestiti aziendali

Utilizza la funzionalità di ricerca interna #finsubito.

Agevolazioni - Finanziamenti - Ricerca immobili

Puoi trovare una risposta alle tue domande.

 

More results...

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Filter by Categories
#finsubito
#finsubito news video
#finsubitoaste
01_post_Lazio
Agevolazioni
News aste
Post dalla rete
Zes agevolazioni
   


Una montagna di rifiuti e una montagna di passaggi tecnico burocratici. Fatto sta che la ex discarica di via Le Lame è ancora lì, da decenni, quasi come un simbolo delle nefandezze avvenute nella valle del fiume Sacco che, come è noto, è un Sito di interesse nazionale per lo stato di emergenza ambientale. Un’estensione di oltre ottanta chilometri che necessitano di bonifica. Le ultime notizie che riguardano la discarica arrivano dal Ministero dell’Ambiente al quale si è rivolta l’onorevole Ilaria Fontana (Movimento 5 Stelle) con un’interrogazione che ha avuto risposta dalla Commissione Ambiente, Territorio e Lavori pubblici della Camera dei Deputati. L’interrogazione è del 10 aprile, la risposta del 7 maggio. Contiene un’informazione che rende più paludoso il prosieguo per la bonifica di questo enorme ammasso di immondizia che si trova nella zona industriale di Frosinone e che era stato anche oggetto di sequestro giudiziario. Sono state quantificate oltre 600 mila tonnellate di rifiuti, accumulate nel lungo periodo di attività. Si tratta di un sito storico, la cui presenza risale agli anni cinquanta e che è rimasto funzionale fino al 2002, con un incremento del volume dei bacini negli anni ‘80 e ‘90.

IL QUADRO

 

«Quello che nasceva come un piccolo sito di smaltimento, destinato esclusivamente alle esigenze del Comune di Frosinone, veniva trasformato in una megalopoli tossica, dopo la scelta sconsiderata da parte del Governo, della Regione e di alcuni parlamentari di trasferirvi i rifiuti di mezza Italia» diceva l’allora sindaco di Frosinone Nicola Ottaviani, oggi deputato, annunciando la manifestazione d’interesse dello stesso Comune di Frosinone rivolta ai privati per la rimozione delle tonnellate di scarti e con la chiara richiesta di un ingente contributo pubblico a sostegno dell’operazione altrimenti non realizzabile soltanto con le risorse dell’ente comunale. Era l’estate del 2015. Inserita nell’accordo di programma fra Ministero dell’Ambiente e Regione Lazio sul SIN Valle del Sacco, alla discarica di via Le Lame vengono destinati oltre 10 milioni da parte dell’ente regionale (dicembre 2020). La natura dell’intervento, affidato dalla Regione Lazio a ditte specializzate, è citata proprio nell’interrogazione dell’onorevole Fontana: «ripristino del sistema di raccolta di acque meteoriche, la verifica di eventuali sorgenti di contaminazione non note, la caratterizzazione del sito e la messa in sicurezza di emergenza mediante ripristino delle coperture, rimozione della sorgente primaria di contaminazione ed eventuale trattamento delle acque sotterranee». Nata e cresciuta a Frosinone, la parlamentare chiedeva «se sia stata convocata una riunione del comitato di indirizzo e controllo di cui all’accordo di programma del sito di interesse nazionale Bacino del Fiume Sacco circa il monitoraggio degli interventi previsti».

GLI INCONTRI

 

La risposta è sì, le riunioni si sono svolte il 6 settembre 2023 e il 12 marzo 2024, ma gli esiti non sono stati confortanti, a quanto pare, visto che in un provvedimento acquisito dal Ministero «la Provincia di Frosinone dà atto dell’impossibilità di certificare l’adeguatezza e l’efficacia degli interventi previsti nei progetti di messa in sicurezza d’emergenza del sito ex discarica Le Lame, finanziati da alcuni specifici fondi regionali previsti per la difesa del suolo in aree sensibili». L’impegno del Ministero, chiude la nota, è quello di dare seguito alle attività di competenza per portare a compimento le operazioni di bonifica nel Sito d’interesse nazionale. «Prendo atto che nulla si è mosso rispetto a quanto già pianificato negli anni scorsi – ha commentato Ilaria Fontana anche sulla sua pagina social – e che le criticità vengono sollevate da altri enti. Il Ministero deve vigilare e assumere un ruolo proattivo nel risolvere i problemi, non limitandosi a compiti di segreteria». E la montagna di rifiuti, per il momento, resta ancora lì.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© RIPRODUZIONE RISERVATA



 

***** l’articolo pubblicato è ritenuto affidabile e di qualità*****

Visita il sito e gli articoli pubblicati cliccando sul seguente link

Source link

Informativa sui diritti di autore

La legge sul diritto d’autore art. 70 consente l’utilizzazione libera del materiale laddove ricorrano determinate condizioni:  la citazione o riproduzione di brani o parti di opera e la loro comunicazione al pubblico sono liberi qualora siano effettuati per uso di critica, discussione, insegnamento o ricerca scientifica entro i limiti giustificati da tali fini e purché non costituiscano concorrenza all’utilizzazione economica dell’opera citata o riprodotta.

Vuoi richiedere la rimozione dell’articolo?

Clicca qui

 

 

 

Per richiedere la rimozione dell’articolo clicca qui

La rete #dessonews è un aggregatore di news e replica gli articoli senza fini di lucro ma con finalità di critica, discussione od insegnamento,

come previsto dall’art. 70 legge sul diritto d’autore e art. 41 della costituzione Italiana. Al termine di ciascun articolo è indicata la provenienza dell’articolo.

Il presente sito contiene link ad altri siti Internet, che non sono sotto il controllo di #adessonews; la pubblicazione dei suddetti link sul presente sito non comporta l’approvazione o l’avallo da parte di #adessonews dei relativi siti e dei loro contenuti; né implica alcuna forma di garanzia da parte di quest’ultima.

L’utente, quindi, riconosce che #adessonews non è responsabile, a titolo meramente esemplificativo, della veridicità, correttezza, completezza, del rispetto dei diritti di proprietà intellettuale e/o industriale, della legalità e/o di alcun altro aspetto dei suddetti siti Internet, né risponde della loro eventuale contrarietà all’ordine pubblico, al buon costume e/o comunque alla morale. #adessonews, pertanto, non si assume alcuna responsabilità per i link ad altri siti Internet e/o per i contenuti presenti sul sito e/o nei suddetti siti.

Per richiedere la rimozione dell’articolo clicca qui