Utilizza la funzionalità di ricerca interna #finsubito.

Agevolazioni - Finanziamenti - Ricerca immobili

Puoi trovare una risposta alle tue domande.

 

More results...

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Filter by Categories
#finsubito
#finsubito news video
#finsubitoaste
01_post_Lazio
Agevolazioni
News aste
Post dalla rete
Zes agevolazioni
   


Ammonta a 17 milioni di euro l’intervento per la ristrutturazione e la riconversione dei vigneti per la campagna 2024-2025 che la giunta della Regione Toscana toscana ha attivato nei giorni scorsi. L’intervento riguarda tutte le varietà idonee alla coltivazione sul territorio regionale ma i vigneti devono avere un minimo di 3.300 ceppi per ettaro. La superficie minima è pari a 0,5 ettari, ridotti a 0,3 ettari per le aziende con superficie vitata pari o inferiore a un ettaro ed è di 0,1 ettari per gli interventi realizzati nelle zone di produzione dei vini Dop Candia dei Colli Apuani, Colli di Luni, Ansonica Costa dell’Argentario (comune di Monte Argentario, Elba e nel territorio delle isole toscane) e per gli interventi realizzati su vigneti storici/eroici. Le imprese hanno tempo tre anni per ristrutturare o riconvertire il vigneto. Le risorse sono destinate a finanziare i saldi delle campagne precedenti e gli anticipi relativi alle domande dei viticoltori toscani presentate nella campagna 2024/2025.

Superficie regionale sopra 60mila ettari

«Dopo l’impegno sul rinnovamento delle attrezzature di cantina, che ha coinvolto oltre 400 aziende produttrici – ha dichiarato il presidente della Regione, Eugenio Giani – quest’anno abbiamo deciso di investire sul potenziale viticolo, stanziando una cifra rilevante proprio per aumentare la competitività delle imprese agricole. Inoltre, dopo due anni di sostanziale stabilità anche per la pandemia, ha ricordato la vice presidente e assessora regionale all’Agroalimentare, Stefania Saccardi, la superficie vitata toscana è tornata sopra la soglia dei 60mila ettari. Oltre metà (33mila) hanno usufruito negli ultimi anni dell’intervento regionale su questa misura, nell’ambito dell’Ocm vino: «Anche in questo la Toscana è sopra la media nazionale, che si attesta invece al 46%. Il vigneto Toscana – ha sottolineato – per circa il 95% è destinato a vini di qualità, tra Docg, Doc e Igt, rispetto a una media italiana che supera di poco il 60 per cento».

I criteri di priorità

Nel bando Ocm, verrà data priorità alle domande delle imprese che realizzano azioni su superfici vitate inserite nell’elenco dei vigneti storici e/o eroici nelle piccole isole, oppure nelle zone di produzione delle Dop Candia dei Colli Apuani, Colli di Luni, Ansonica Costa dell’Argentario (comune di Monte Argentario) ed Elba oppure in altre zone come quelle montane, nelle zone Natura 2000, parchi e riserve naturali fuori Natura 2000, aree con vincolo paesaggistico, nelle zone vulnerabili ai nitrati (zvn), escluse le anpil (aree naturali protette di interesse locale). Inoltre, saranno privilegiate le zone colpite dall’alluvione della primavera e dell’autunno 2023. Altri criteri di priorità riguardano le imprese che realizzano interventi su unità tecnico-economiche con rapporto superficie vitata/sau maggiore del 50%; chi è un giovane imprenditori, con età compresa tra 18 e 40 anni; chi non ha chiesto contributi dalla campagna 2018/2019 a quella del 2023/2024; chi non è stato finanziato nell’ultima campagna 2023/2024; chi è in possesso della qualifica di imprenditore agricolo professionale. Per far sì che al sostegno economico, pari a 17 milioni di euro, possa accedere il maggior numero possibile di imprese, è stato disposto che la superficie massima ammissibile a contributo per ciascuna unità tecnico economica non possa superare i 20 ettari. Infine, il contributo è concesso con un anticipo pari all’80% della somma richiesta, con successivo saldo per la rimanente quota del 20 per cento.

 

***** l’articolo pubblicato è ritenuto affidabile e di qualità*****

Visita il sito e gli articoli pubblicati cliccando sul seguente link

Source link

Informativa sui diritti di autore

La legge sul diritto d’autore art. 70 consente l’utilizzazione libera del materiale laddove ricorrano determinate condizioni:  la citazione o riproduzione di brani o parti di opera e la loro comunicazione al pubblico sono liberi qualora siano effettuati per uso di critica, discussione, insegnamento o ricerca scientifica entro i limiti giustificati da tali fini e purché non costituiscano concorrenza all’utilizzazione economica dell’opera citata o riprodotta.

Vuoi richiedere la rimozione dell’articolo?

Clicca qui

 

 

 

Prestiti personali immediati

Mutui e prestiti aziendali

Per richiedere la rimozione dell’articolo clicca qui

La rete #dessonews è un aggregatore di news e replica gli articoli senza fini di lucro ma con finalità di critica, discussione od insegnamento,

come previsto dall’art. 70 legge sul diritto d’autore e art. 41 della costituzione Italiana. Al termine di ciascun articolo è indicata la provenienza dell’articolo.

Il presente sito contiene link ad altri siti Internet, che non sono sotto il controllo di #adessonews; la pubblicazione dei suddetti link sul presente sito non comporta l’approvazione o l’avallo da parte di #adessonews dei relativi siti e dei loro contenuti; né implica alcuna forma di garanzia da parte di quest’ultima.

L’utente, quindi, riconosce che #adessonews non è responsabile, a titolo meramente esemplificativo, della veridicità, correttezza, completezza, del rispetto dei diritti di proprietà intellettuale e/o industriale, della legalità e/o di alcun altro aspetto dei suddetti siti Internet, né risponde della loro eventuale contrarietà all’ordine pubblico, al buon costume e/o comunque alla morale. #adessonews, pertanto, non si assume alcuna responsabilità per i link ad altri siti Internet e/o per i contenuti presenti sul sito e/o nei suddetti siti.

Per richiedere la rimozione dell’articolo clicca qui