Utilizza la funzionalità di ricerca interna #finsubito.

Agevolazioni - Finanziamenti - Ricerca immobili

Puoi trovare una risposta alle tue domande.

 

More results...

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Filter by Categories
#finsubito
#finsubito news video
#finsubitoaste
01_post_Lazio
Agevolazioni
News aste
Post dalla rete
Zes agevolazioni
   


Nel 2024 ci sono stati cambiamenti nel mondo dei bonus per le Partite Iva. I lavoratori autonomi, i professionisti e le imprese individuali hanno dovuto dire addio a varie agevolazioni. Però, niente paura: alcuni bonus sono stati prorogati anche per quest’anno e altre nuove misure sono state introdotte.

Quali sono gli incentivi a cui le Partite Iva hanno diritto nel 2024?

Innanzitutto, è possibile accedere a misure per aiutare l’avvio o lo sviluppo dell’attività d’impresa. Si fa riferimento ai contributi a fondo perduto e, in particolare, all’agevolazione “Resto al Sud” e alla misura “On – Oltre nuove imprese a tasso zero”.

Il bonus “Resto al Sud” è un’agevolazione pensata per aiutare coloro che hanno tra i 18 e i 55 anni e hanno o vogliono avviare un’attività imprenditoriale o libero professionale in determinati territori d’Italia:


Al fine di sostenere la creazione o lo sviluppo di queste attività, potranno essere finanziate spese come la ristrutturazione o la manutenzione straordinaria di beni immobili, spese per macchinari e impianti nuovi o per programmi informatici e servizi per le tecnologie, nonché spese di gestione (come, ad esempio, quelle per materie prime, utenze, canoni di locazione).

L’agevolazione copre il 100% delle spese ammissibili e funziona in questo modo: un 50% di contributo a fondo perduto, mentre l’altro 50% di finanziamento bancario.

Ancora, per tutto il territorio nazionale, con lo scopo di aiutare la nascita e la crescita di micro e piccole imprese con almeno il 51% da lavoratori tra i 18 e i 35 anni o da donne di tutte le età, c’è la misura “On – Oltre nuove imprese a tasso zero”.

In questo ultimo caso, le agevolazioni prendono la forma di un finanziamento agevolato a tasso zero, della durata massima di dieci anni, e di un contributo a fondo perduto, per un ammontare fino al 90% della spesa ammissibile prevista dal programma di investimento dell’impresa (programma che dovrà essere realizzato entro ventiquattro mesi dalla data di stipulazione del contratto di finanziamento).

Tuttavia, le Partite Iva possono beneficiare anche di altre differenti tipologie di misure che consistono in un sostegno economico al reddito.

Per i lavoratori autonomi iscritti alla Gestione Separata, è stata prorogata la c.d. ISCRO (indennità straordinaria di continuità reddituale operativa): ossia, un contributo economico erogato per sei mesi.

Per godere di questa indennità, occorre avere (e mantenere) questi requisiti:


Il contributo è pari al 25%, su base semestrale, della media dei redditi da lavoro autonomo dichiarati nei due anni precedenti all’anno precedente alla presentazione della domanda. Però, a prescindere da questa media, l’ammontare non potrà essere né inferiore a 250 euro mensili, né maggiore di 800 euro mensili.

Ancora, c’è il c.d. Assegno di inclusione (Adi): ossia, la nuova misura di sostegno economico che ha sostituito il Reddito di cittadinanza.

È un beneficio che, in presenza di determinate condizioni (requisiti di cittadinanza, residenza e soggiorno; requisiti soggettivi; requisiti economici e patrimoniali), viene riconosciuto ai nuclei familiari fragili: cioè, quei nuclei che hanno almeno un componente con disabilità o minorenne o con almeno sessant’anni o in condizione di svantaggio e inserito in un programma di cura e assistenza dei servizi socio-sanitari territoriali certificato dalla pubblica amministrazione.

In conclusione, anche per il 2024, i titolari di Partita Iva potranno usufruire di vari bonus.



 

***** l’articolo pubblicato è ritenuto affidabile e di qualità*****

Visita il sito e gli articoli pubblicati cliccando sul seguente link

Source link

Informativa sui diritti di autore

La legge sul diritto d’autore art. 70 consente l’utilizzazione libera del materiale laddove ricorrano determinate condizioni:  la citazione o riproduzione di brani o parti di opera e la loro comunicazione al pubblico sono liberi qualora siano effettuati per uso di critica, discussione, insegnamento o ricerca scientifica entro i limiti giustificati da tali fini e purché non costituiscano concorrenza all’utilizzazione economica dell’opera citata o riprodotta.

Vuoi richiedere la rimozione dell’articolo?

Clicca qui

 

 

 

Per richiedere la rimozione dell’articolo clicca qui

La rete #dessonews è un aggregatore di news e replica gli articoli senza fini di lucro ma con finalità di critica, discussione od insegnamento,

come previsto dall’art. 70 legge sul diritto d’autore e art. 41 della costituzione Italiana. Al termine di ciascun articolo è indicata la provenienza dell’articolo.

Il presente sito contiene link ad altri siti Internet, che non sono sotto il controllo di #adessonews; la pubblicazione dei suddetti link sul presente sito non comporta l’approvazione o l’avallo da parte di #adessonews dei relativi siti e dei loro contenuti; né implica alcuna forma di garanzia da parte di quest’ultima.

L’utente, quindi, riconosce che #adessonews non è responsabile, a titolo meramente esemplificativo, della veridicità, correttezza, completezza, del rispetto dei diritti di proprietà intellettuale e/o industriale, della legalità e/o di alcun altro aspetto dei suddetti siti Internet, né risponde della loro eventuale contrarietà all’ordine pubblico, al buon costume e/o comunque alla morale. #adessonews, pertanto, non si assume alcuna responsabilità per i link ad altri siti Internet e/o per i contenuti presenti sul sito e/o nei suddetti siti.

Per richiedere la rimozione dell’articolo clicca qui