Utilizza la funzionalità di ricerca interna #finsubito.

Agevolazioni - Finanziamenti - Ricerca immobili

Puoi trovare una risposta alle tue domande.

 

More results...

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Filter by Categories
#finsubito
#finsubito news video
#finsubitoaste
01_post_Lazio
Agevolazioni
News aste
Post dalla rete
Zes agevolazioni
   


Confermare il taglio del cuneo fiscale e contributivo, che garantisce un bonus in busta paga ai dipendenti, e il taglio dell’IRPEF per il 2025 non è una sfida semplice. Ma il Ministro dell’Economia e delle Finanze Giancarlo Giorgetti si dice fiducioso sul futuro

Il taglio del cuneo fiscale e contributivo e la nuova IRPEF, insieme, hanno un costo di oltre 14 miliardi di euro e una scadenza fissata al 31 dicembre, due aspetti che accendono i riflettori sul futuro: sarà possibile garantire il bonus in busta paga ai dipendenti anche per il 2025?

Le intenzioni del Governo ci sono, ma sul prossimo anno non c’è ancora alcuna certezza: il Documento di Economia e Finanza, che solitamente rappresenta la posa della prima pietra della Manovra, è stato presentato privo di elementi programmatici, in attesa delle nuove regole di governance della UE sulle procedure nazionali di bilancio.

Sollecitato a rispondere sui bonus in busta paga per i dipendenti, però, il Ministro dell’Economia e delle Finanze Giancarlo Giorgetti durante le interrogazioni a risposta immediata dell’8 maggio alla Camera ha sottolineato: “il DEF 2024, sia nella premessa sia nel Programma di Stabilità, nell’indicare le politiche invariate contiene un esplicito riferimento al carattere prioritario attribuito dal Governo alla riduzione del cuneo fiscale”.

Bonus ai dipendenti in busta paga anche nel 2025? Giorgetti: Sono confidente

Da via XX Settembre si conferma la volontà di confermare la linea adottata esattamente un anno fa, quando il Decreto Lavoro ha potenziato il taglio del cuneo fiscale e contributivo, portando l’esonero contributivo al 6 per cento per cento nel caso delle retribuzioni fino a 35.000 euro e al 7 per cento per quelle fino a 25.000 euro.


“Sono confidente, ho fiducia che riusciremo ad andare ancora a favore delle categorie che sono state oggettivamente aiutate”, ha detto fiducioso.

Secondo il report Istat, La redistribuzione del reddito in Italia 2023 , pubblicato lo scorso marzo, questa forma di aumento degli stipendi nel 2023 ha interessato 12 milioni di famiglie, contribuendo ad aumentare l’equità della distribuzione dei redditi disponibili e a diminuire il rischio di povertà, che è passato dal 20 al 18,8 per cento.

Ancora più marcati dovrebbero essere gli effetti nel 2024, dal momento che il bonus calcolato sul 6 e sul 7 per cento sarà riconosciuto in busta paga per tutto l’anno.

Continuare sulla direzione intrapresa, quindi, più che una scelta è una strada obbligata, ma la prospettiva non sembra preoccupare il Governo: “sarà previsto il taglio del cuneo e le misure di riduzione fiscale per i redditi medio bassi”.

E le coperture saranno individuate nel DEF, Documento di Economia e Finanza, da presentare con le nuove regole che arriveranno a giugno.

“Ascolto le stesse polemiche che venivano agitate lo scorso anno, quando si diceva che non avremmo mai fatto quello che poi abbiamo fatto”, ha sottolineato il ministro Giorgetti.


 

***** l’articolo pubblicato è ritenuto affidabile e di qualità*****

Visita il sito e gli articoli pubblicati cliccando sul seguente link

Source link

Informativa sui diritti di autore

La legge sul diritto d’autore art. 70 consente l’utilizzazione libera del materiale laddove ricorrano determinate condizioni:  la citazione o riproduzione di brani o parti di opera e la loro comunicazione al pubblico sono liberi qualora siano effettuati per uso di critica, discussione, insegnamento o ricerca scientifica entro i limiti giustificati da tali fini e purché non costituiscano concorrenza all’utilizzazione economica dell’opera citata o riprodotta.

Vuoi richiedere la rimozione dell’articolo?

Clicca qui

 

 

Per richiedere la rimozione dell’articolo clicca qui

La rete #dessonews è un aggregatore di news e replica gli articoli senza fini di lucro ma con finalità di critica, discussione od insegnamento,

come previsto dall’art. 70 legge sul diritto d’autore e art. 41 della costituzione Italiana. Al termine di ciascun articolo è indicata la provenienza dell’articolo.

Il presente sito contiene link ad altri siti Internet, che non sono sotto il controllo di #adessonews; la pubblicazione dei suddetti link sul presente sito non comporta l’approvazione o l’avallo da parte di #adessonews dei relativi siti e dei loro contenuti; né implica alcuna forma di garanzia da parte di quest’ultima.

L’utente, quindi, riconosce che #adessonews non è responsabile, a titolo meramente esemplificativo, della veridicità, correttezza, completezza, del rispetto dei diritti di proprietà intellettuale e/o industriale, della legalità e/o di alcun altro aspetto dei suddetti siti Internet, né risponde della loro eventuale contrarietà all’ordine pubblico, al buon costume e/o comunque alla morale. #adessonews, pertanto, non si assume alcuna responsabilità per i link ad altri siti Internet e/o per i contenuti presenti sul sito e/o nei suddetti siti.

Per richiedere la rimozione dell’articolo clicca qui