Utilizza la funzionalità di ricerca interna #finsubito.

Agevolazioni - Finanziamenti - Ricerca immobili

Puoi trovare una risposta alle tue domande.

 

More results...

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Filter by Categories
#finsubito
#finsubito news video
#finsubitoaste
01_post_Lazio
Agevolazioni
News aste
Post dalla rete
Zes agevolazioni
   


Dati riclassificati – 1° gennaio 2024 / 31 marzo 2024

  • L’utile netto di pertinenza del Gruppo è pari a 47,2 milioni di euro, in crescita del 2,7% rispetto ai 45,9 milioni di euro del primo trimestre 2023. Sui risultati del primo trimestre hanno influito positivamente i risultati commerciali, i risultati dell’attività della finanza proprietaria e lo scenario di rischio contenuto.
  • Il margine di intermediazione, in crescita del 5,4% a 185,2 milioni di euro rispetto ai 175,8 milioni di euro del primo trimestre 2023, beneficia della crescita del Settore Commercial & Corporate Banking (+1,6% pari a circa 1 milione di euro rispetto al primo trimestre 2023), del positivo contributo del settore NPL per 4,8 milioni di euro, nonché dall’incremento dei risultati derivanti dall’attività su strumenti finanziari per 3,2 milioni di euro.
  • I costi operativi, pari a 102,1 milioni di euro (+12,1% rispetto ai 91,1 milioni di euro del primo trimestre 2023), aumentano per le maggiori spese del personale (43,4 milioni di euro rispetto a 39,7 milioni di euro del primo trimestre 2023), principalmente per la crescita del numero di dipendenti, anche in seguito all’ingresso della società Revalea non presente nel primo trimestre 2023, e del rinnovato CCNL, e per le maggiori altre spese amministrative (61,9 milioni di euro rispetto a 53,8 milioni di euro dello stesso periodo del 2023).
  • Il costo del credito è pari a 8,6 milioni di euro, in riduzione del 13,9% rispetto al primo trimestre 2023, confermando la positiva dinamica della qualità dell’attivo del 2023.
  • La posizione di liquidità al 31 marzo 2024 è pari a circa 2,5 miliardi di euro di riserve e attivi liberi finanziabili in BCE (LCR superiore a 2.600%).

Requisiti di capitale

  • Il CET1 è pari a 14,98% (14,87% al 31 dicembre 2023) e il TCR è pari a 17,43% (17,44% al 31 dicembre 2023), calcolati escludendo l’utile generato nel primo trimestre 2024.

Roma, 9 maggio 2024 – Il Consiglio di Amministrazione di Banca Ifis, riunitosi oggi sotto la Presidenza di Ernesto Fürstenberg Fassio, ha approvato i risultati del primo trimestre 2024.

“I risultati del primo trimestre 2024 confermano la capacità della Banca di ottenere performance positive anche in un contesto macroeconomico incerto come quello che stiamo attraversando. La crescita dell’utile è stata guidata principalmente dall’andamento favorevole dei ricavi e dal basso costo del credito. Nel primo trimestre 2024 l’attività commerciale nel factoring e nel leasing, grazie ad un tenace lavoro della nostra rete, ha ottenuto tassi di crescita superiori ai mercati di riferimento e ha compensato l’aumento del costo della raccolta. Abbiamo completato con largo anticipo, tramite un’emissione obbligazionaria e l’aumento dei depositi alla clientela, il funding per il rimborso del TLTRO e del prestito obbligazionario in scadenza a giugno 2024. Abbiamo, inoltre, continuato a rafforzare le coperture del costo del credito deteriorato in linea con la prudente politica di credito che da sempre caratterizza la Banca. Sulla base di questo inizio d’anno positivo, guardiamo con fiducia ai mesi successivi di questo ultimo anno di Piano Industriale, continuando a rimanere al fianco delle piccole e medie imprese italiane che supportiamo con i nostri prodotti e con la competenza distintiva delle nostre persone”, dichiara Frederik Geertman, Amministratore Delegato di Banca Ifis.

***

I ricavi del Settore Commercial & Corporate Banking, in crescita dell’1,6% rispetto al primo trimestre 2023 riflettono il dinamismo della rete commerciale del Gruppo che ha consentito la crescita delle attività nonostante la minore domanda di credito dovuta ai più alti tassi di interesse e ha permesso al Gruppo di compensare l’aumento del costo del finanziamento.

Nel Settore Npl i recuperi di cassa sui portafogli acquistati sono stati pari a 98 milioni di euro, in crescita dell’1% rispetto al primo trimestre 2023. A questi, si aggiungono 14 milioni di euro derivanti da attività sui portafogli originati da Revalea S.p.A., per un totale di 112 milioni di euro. L’attività di recupero giudiziale e stragiudiziale non evidenzia, a oggi, impatti negativi significativi derivanti dal rialzo dell’inflazione e dei tassi di interesse. Il contributo di Revalea, la cui acquisizione è stata perfezionata lo scorso 31 ottobre, a seguito dell’ottenimento delle necessarie autorizzazioni normativo regolamentari, è stato in linea con le attese.

Il costo medio della raccolta del primo trimestre 2024, pari al 3,86%, è in aumento rispetto al 2,38% del primo trimestre 2023 e al 3,67% del quarto trimestre 2023. La posizione di liquidità al 31 marzo 2024 si è attestata a circa 2,5 miliardi di euro, nonostante il rimborso di 500 milioni di euro di TLTRO a dicembre 2023 e di ulteriori 750 milioni di euro a marzo 2024.

A fine marzo, in anticipo rispetto alla scadenza di settembre 2024, la Banca ha rimborsato 1.250 milioni di euro di TLTRO e ha già completato con largo anticipo tutte le azioni per rimborsare i rimanenti 787 milioni di euro. A febbraio la Banca ha emesso un’obbligazione senior per 400 milioni di euro e aumentato la raccolta retail di circa 350 milioni di euro con una strategia multicanale e campagne di marketing mirate.

I rapporti di qualità dell’attivo, il Gross Npe Ratio e il Net Npe Ratio, si attestano rispettivamente al 5,7% e al 3,3%. I valori si attesterebbero rispettivamente al 4,7% e al 2,2%, escludendo le riclassificazioni derivanti dall’applicazione della normativa sulla Nuova Definizione di Default ai crediti verso il Sistema Sanitario Nazionale (SSN), caratterizzati da un limitato rischio di credito e da lunghe tempistiche di pagamento. La copertura dei crediti deteriorati è stata continuamente e ulteriormente rafforzata dal 35% del 2022 al 43% del 2023 al 45% del primo trimestre 2024. In particolare, la copertura delle sofferenze è stata incrementata dal 69% del 2022 al 78% del 2023 al 79% del primo trimestre 2024 e quella delle inadempienze probabili dal 39% del 2022 al 44% del 2023 al 46% del primo trimestre 2024.

I coefficienti patrimoniali confermano la forte solidità del Gruppo. Entrambi i principali indicatori si mantengono ampiamente superiori ai livelli minimi richiesti, con il CET1 Ratio consolidato pari a 14,98% (14,87% al 31 dicembre 2023) e il Total Capital Ratio consolidato pari al 17,43% (17,44% al 31 dicembre 2023), calcolati escludendo l’utile del primo trimestre 2024.

In data 18 aprile 2024, l’Assemblea degli azionisti ha deliberato la distribuzione di un dividendo a saldo relativo all’anno 2023 per un totale di 47 milioni di euro, pari a 0,9 euro per azione in circolazione, al lordo di eventuali ritenute di legge, che verrà messo in pagamento con data stacco cedola (ex date) il 20 maggio 2024, data di legittimazione al pagamento del dividendo stesso (record date) il 21 maggio 2024 e data di pagamento il 22 maggio 2024. In occasione della presentazione dei risultati relativi ai 9 mesi del 2023, la Banca aveva deliberato la distribuzione di un acconto sul dividendo 2023 pari a 63 milioni di euro, ovvero di 1,2 euro per azione in circolazione, al lordo di eventuali ritenute di legge. Per l’intero 2023, la Banca ha in previsione di distribuire 110 milioni di euro di dividendi, pari a 2,1 euro per azione in circolazione, coerentemente con la nuova dividend policy approvata lo scorso anno.

***

L’impegno di Banca Ifis nella realizzazione dell’agenda sociale e nella sostenibilità ambientale e di governance

Nel trimestre, la Banca ha proseguito il proprio percorso di integrazione delle iniziative di sostenibilità all’interno del proprio modello di business, cui ha legato un piano di investimenti di 7 milioni di euro – in crescita rispetto ai 6 milioni di euro inizialmente previsti dal Piano Industriale D.O.E.S. – da eseguire nel triennio 2022-2024. Le numerose progettualità realizzate nel periodo sono state valutate positivamente anche da MSCI che, ad aprile, ha innalzato il rating ESG della Banca portandolo da A ad AA.

Tra le varie iniziative sociali realizzate nel primo trimestre, Banca Ifis ha lanciato Ifis art, il progetto voluto e ideato dal Presidente, Ernesto Fürstenberg Fassio, che raccoglie tutte le iniziative per la valorizzazione dell’arte, della cultura, della creatività contemporanea e dei loro valori: dalla corporate collection al Parco Internazionale di Scultura, dal progetto di recupero dell’opera di Banksy e restauro del Palazzo San Pantalon che la ospita, da Economia della Bellezza al sostegno di manifestazioni artistiche e culturali, da programmi di education a prodotti editoriali. Un progetto articolato e inedito che mette al centro il digitale, per rendere accessibile l’arte anche attraverso modalità innovative e alternative, lo sviluppo di partnership pubblico-private, per sostenere territori e comunità, e il supporto ai giovani per favorire sviluppo e inclusione sociale attraverso l’arte.

Banca Ifis, inoltre, ha aderito alla Fondazione per l’Educazione Finanziaria e al Risparmio (FEduF), la fondazione creata dall’ABI per promuovere una cittadinanza economica consapevole e attiva attraverso la diffusione della conoscenza finanziaria ed economica. Nell’ambito della propria collaborazione con FEduF, Banca Ifis si farà promotrice di specifici percorsi di educazione finanziaria rivolti ai giovani.

 

***** l’articolo pubblicato è ritenuto affidabile e di qualità*****

Visita il sito e gli articoli pubblicati cliccando sul seguente link

Source link

Informativa sui diritti di autore

La legge sul diritto d’autore art. 70 consente l’utilizzazione libera del materiale laddove ricorrano determinate condizioni:  la citazione o riproduzione di brani o parti di opera e la loro comunicazione al pubblico sono liberi qualora siano effettuati per uso di critica, discussione, insegnamento o ricerca scientifica entro i limiti giustificati da tali fini e purché non costituiscano concorrenza all’utilizzazione economica dell’opera citata o riprodotta.

Vuoi richiedere la rimozione dell’articolo?

Clicca qui

 

 

 

Per richiedere la rimozione dell’articolo clicca qui

La rete #dessonews è un aggregatore di news e replica gli articoli senza fini di lucro ma con finalità di critica, discussione od insegnamento,

come previsto dall’art. 70 legge sul diritto d’autore e art. 41 della costituzione Italiana. Al termine di ciascun articolo è indicata la provenienza dell’articolo.

Il presente sito contiene link ad altri siti Internet, che non sono sotto il controllo di #adessonews; la pubblicazione dei suddetti link sul presente sito non comporta l’approvazione o l’avallo da parte di #adessonews dei relativi siti e dei loro contenuti; né implica alcuna forma di garanzia da parte di quest’ultima.

L’utente, quindi, riconosce che #adessonews non è responsabile, a titolo meramente esemplificativo, della veridicità, correttezza, completezza, del rispetto dei diritti di proprietà intellettuale e/o industriale, della legalità e/o di alcun altro aspetto dei suddetti siti Internet, né risponde della loro eventuale contrarietà all’ordine pubblico, al buon costume e/o comunque alla morale. #adessonews, pertanto, non si assume alcuna responsabilità per i link ad altri siti Internet e/o per i contenuti presenti sul sito e/o nei suddetti siti.

Per richiedere la rimozione dell’articolo clicca qui