Prestiti personali immediati

Mutui e prestiti aziendali

Utilizza la funzionalità di ricerca interna #finsubito.

Agevolazioni - Finanziamenti - Ricerca immobili

Puoi trovare una risposta alle tue domande.

 

More results...

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Filter by Categories
#finsubito
#finsubito news video
#finsubitoaste
01_post_Lazio
Agevolazioni
News aste
Post dalla rete
Zes agevolazioni
   


Lo scorso 7 maggio presso il Polo Bibliotecario di Potenza, in collaborazione con Basilicata Creativa e il Polo Europeo per l’Innovazione Digitale (EDIH) “Heritage Smart Lab” si è discusso delle possibili interazioni tra le biblioteche e le tecnologie digitali, tra cui l’intelligenza artificiale.

Nel corso dell’evento denominato “Una Notte in Biblioteca”, esperti del settore hanno potuto condividere con rappresentanti di 36 enti pubblici esperienze e conoscenze nella valorizzazione dei presidi bibliotecari territoriali.

Presidi che, oltre a essere culturali, sono soprattutto presidi sociali che valorizzano il territorio attraverso un processo virtuoso in cui gioca un ruolo fondamentale anche l’innovazione digitale.

Diversi i relatori intervenuti durante la serata.

Nella prima parte dell’incontro Luigi Catalani, direttore del Polo Bibliotecario di Potenza, ha animato un dibattito con Michele Cignarale (Basilicata Creativa) e Nicola Masini (CNR) sul ruolo che hanno le nuove tecnologie nelle biblioteche intese centri di aggregazione sociale.

A seguire Raffaele Nigro, giornalista e scrittore vincitore del premio Campiello, ha fornito un contributo video alla conferenza parlando del suo amore per i libri e le biblioteche.

Unendo ricordi e riflessioni, Nigro ha ricordato quanto i libri lo abbiano accompagnato nella sua crescita personale sin dalle elementari, passando da Verne a Dante per arrivare a Rocco Scotellaro.

Perché, come spiega Nigro, la cultura e la letteratura, attraverso le biblioteche, servono a condividere il “bello” le tradizioni e a rendere ogni persona parte di una comunità.

Per approfondire la tematica dell’innovazione digitale nelle biblioteche, Una Notte in Biblioteca ha raccolto anche le esperienze del professor Maurizio Vivarelli e del dottor Roberto Testa del dipartimento degli Studi storici dell’Università di Torino.

I due studiosi, esperti di biblioteconomia, hanno presentato i risultati dei loro progetti sperimentali che rendono le biblioteche degli ambienti virtuali interattivi grazie proprio all’uso dell’intelligenza artificiale.

L’AI può migliorare le biblioteche ad esempio con un chatbot che assista l’utente nell’uso dei servizi e delle risorse.

Insomma il futuro delle biblioteche è destinato ad esser digitalizzato, transdisciplinare e fortemente influenzato dagli interessi e i bisogni degli utenti.

Su un versante parallelo, Valentina Bondesan, direttrice operativa di “Editrice Bibliografica”, e Rita Orlando della Fondazione Matera-Basilicata 2019, hanno approfondito rispettivamente le tematiche parallele delle reti bibliotecarie di territorio e delle biblioteche di comunità.

In entrambi i casi, la digitalizzazione di risorse e attività è stata essenziale nella creazione di nuove forme di uso delle biblioteche basate sul coinvolgimento diretto degli utenti: le biblioteche plasmano nuove interazioni sociali e rinforzano il senso di appartenenza non solo culturale, ad una comunità.

Infine Federica Gambacorta di HSH informatica, azienda che opera nell’assistenza informatica nel settore culturale e sperimenta da tempo un nuovo algoritmo per intelligenza artificiale in grado di stabilire la preziosità dei libri antichi grazie all’uso dell’intelligenza artificiale.

Una Notte in Biblioteca ha dato spazio anche alla creatività con laboratori e performance che uniscono cultura e tecnologia.

Cosimo Frascella di Heritage Smart Lab ha proposto brani letterari per immaginare “La biblioteca del passato” mentre Luca Puglisi e Valerio Bulsara, Progetto OSA, hanno presentato al pubblico “MOS.AI.CO”, esperimento artistico audiovisivo interattivo che testimonia quanto le intelligenze artificiali generative non siano il futuro ma il presente, anche per la Basilicata.

Ecco le foto.



 

***** l’articolo pubblicato è ritenuto affidabile e di qualità*****

Visita il sito e gli articoli pubblicati cliccando sul seguente link

Source link

Informativa sui diritti di autore

La legge sul diritto d’autore art. 70 consente l’utilizzazione libera del materiale laddove ricorrano determinate condizioni:  la citazione o riproduzione di brani o parti di opera e la loro comunicazione al pubblico sono liberi qualora siano effettuati per uso di critica, discussione, insegnamento o ricerca scientifica entro i limiti giustificati da tali fini e purché non costituiscano concorrenza all’utilizzazione economica dell’opera citata o riprodotta.

Vuoi richiedere la rimozione dell’articolo?

Clicca qui

 

 

 

Per richiedere la rimozione dell’articolo clicca qui

La rete #dessonews è un aggregatore di news e replica gli articoli senza fini di lucro ma con finalità di critica, discussione od insegnamento,

come previsto dall’art. 70 legge sul diritto d’autore e art. 41 della costituzione Italiana. Al termine di ciascun articolo è indicata la provenienza dell’articolo.

Il presente sito contiene link ad altri siti Internet, che non sono sotto il controllo di #adessonews; la pubblicazione dei suddetti link sul presente sito non comporta l’approvazione o l’avallo da parte di #adessonews dei relativi siti e dei loro contenuti; né implica alcuna forma di garanzia da parte di quest’ultima.

L’utente, quindi, riconosce che #adessonews non è responsabile, a titolo meramente esemplificativo, della veridicità, correttezza, completezza, del rispetto dei diritti di proprietà intellettuale e/o industriale, della legalità e/o di alcun altro aspetto dei suddetti siti Internet, né risponde della loro eventuale contrarietà all’ordine pubblico, al buon costume e/o comunque alla morale. #adessonews, pertanto, non si assume alcuna responsabilità per i link ad altri siti Internet e/o per i contenuti presenti sul sito e/o nei suddetti siti.

Per richiedere la rimozione dell’articolo clicca qui